‘Ndrangheta: lascia carcere per i domiciliari presunto boss

Vibo Valentia  – Lascia il carcere per gli arresti domiciliari il presunto boss di Briatico, nel Vibonese, Pino Bonavita, 73 anni, detenuto dal 14 luglio 2016 dopo essere stato catturato a Praga ed essersi dato alla latitanza nell’aprile del 2016 per sfuggire all’ordinanza di custodia cautelare relativa all’operazione “Costa Pulita” della Dda di Catanzaro. E’ stato il Tribunale del Riesame di Catanzaro, in accoglimento di un’istanza degli avvocati Giovanni Vecchio e Giuseppe Bagnato, a decidere per la scarcerazione in ragione della previsione normativa che prevede il carcere per gli ultrasettantenni solo in casi di eccezionale gravità, non ritenuto nel caso di specie.
Pino Bonavita è accusato di essere il promotore di un’associazione mafiosa e di aver intestato fittiziamente alcuni beni (fra villaggi turistici e società) per eludere le misure di prevenzione patrimoniali. Il processo nei suoi confronti – e di altri presunti associati al suo clan – è ancora in corso dinanzi al Tribunale collegiale di Vibo Valentia.