Agricoltura: Coldiretti, su emergenza cinghiali serve azione decisa

Catanzaro  – “Misure tampone” non hanno assolutamente risolto “l’eccessiva ed invasiva presenza dei cinghiali, causa di tanti danni alle coltivazioni, alla salvaguardia sanitaria degli allevamenti zootecnici e alla sicurezza ed incolumità dei cittadini, ledendo tra l’altro, il diritto degli agricoltori a coltivare i campi. Occorre da parte della Regione un’ azione decisa e mirata per evitare il definitivo abbandono delle attività agricole da parte di molti agricoltori”. E’ quanto afferma la Coldiretti Calabria.
“Sono state messe in piedi- denunciano Franco Aceto e Francesco Cosentini, Presidente e Direttore dell’associazione regionale – misure una tantum che non hanno inciso in modo strutturale alla definizione dell’emergenza che ha avuto un peggioramento. Certo – continuano – non si chiede la misura “cinghiali zero” che non è possibile da realizzare, ma “pericoli e danni zero” si può e si deve fare”.
Cosa fare allora? Coldiretti ritiene “non più rinviabili interventi straordinari e reitera le richieste e le proposte sulle quali la Regione e il Consiglio regionale devono cimentarsi per risolvere definitivamente il problema. Necessariamente – spiega – devono iniziare dalla modifica delle norme regionali che risalgono a ventidue anni fa e che erano state pensate per la tutela e protezione della fauna selvatica, al fine della ricostituzione del patrimonio faunistico e che oggi evidentemente si sono dimostrate non più idonee. Occorre ridefinire le aree vocate e non vocate al cinghiale servendosi dei dati Arcea che sono aggiornatissimi e quindi liberare le aree non vocate che sono poi quelle agricole autorizzando ed incentivando i piani di controllo e abbattimento, non solo allungando eventualmente il periodo di caccia con la rotazione delle squadre dei cacciatori ma autorizzando azioni che possono mettere in campo gli stessi agricoltori (nel rispetto delle leggi e norme vigenti). Occorre velocemente fare passi avanti importanti – concludono presidente e direttore di Coldiretti – per assicurare la giusta tutela del lavoro di chi si guadagna da vivere in campagna e la sicurezza delle persone”.