Catturato il giovane evaso dal carcere di Cosenza

Cosenza – E’ stato catturato questa sera intorno alle 20 Amadou Coulibally, il 20enne del Mali evaso stamani dal carcere di Cosenza. Il giovane è stato fermato nella zona del centro vecchio dalle unità di Polizia Penitenziaria impiegate nella ricerca da stamattina in pattugliamento con i Carabinieri. La cattura, riferisce il ministero, è stata rapida: subito ammanettato, il detenuto è stato portato via dalle auto della polizia penitenziaria.
Dopo l’allarme dato dal reparto di polizia penitenziaria di Cosenza, il Nic della polizia penitenziaria, specializzato nella cattura di evasi, ha subito pianificato gli interventi e coordinato le operazioni a cui hanno partecipato il reparto di Cosenza e il nucleo regionale del Nic di Catanzaro, oltre alle altre forze dell’ordine. Sono stati organizzati posti di blocco in tutta la città unitamente a Carabinieri e Polizia di Stato, oltre che vaste battute in varie zone di Cosenza e soprattutto nel centro storico e nelle limitrofe campagne. Oltre 30 gli uomini della Polizia penitenziaria impegnati nelle attività di ricerca dell evaso coordinati dal nucleo investigativo centrale.

 

Si sarebbe nascosto nella zona fluviale e con le prime ombre della sera ha tentato di entrare in città. Ma è stato sorpreso da carabinieri e polizia penitenziaria. Deve scontare una condanna definitiva fino al 2023 per rissa e lesioni gravi. Secondo quanto si è appreso, è stato coinvolto in una rissa tra migranti in un centro dell’Irpinia. Pare che il giovane, che era nel carcere cosentino già da qualche giorno, a differenza di quanto si era appreso questa mattina, sia scappato durante l’ora d’aria, riuscendo a salire sul tetto di una costruzione interna al carcere per poi saltare oltre il muro di cinta. La Procura di Cosenza ha aperto un’inchiesta sulla sua fuga.

,