Picchiata e violentata, compagno allontanato da casa nel Cosentino

Cosenza  – Minacce di morte, aggressioni fisiche, violenza sessuale sulla compagna. Sono queste le motivazioni in base alle quali i carabinieri della compagnia di Corigliano Calabro(Cs) hanno eseguito nei confronti di un uomo di 29 anni del posto la misura cautelare dell’obbligo di allontanamento dalla casa familiare e di contestuale divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla parte offesa emessa dal Gip. presso il Tribunale di Castrovillari. La donna ha denunciato una grave e perdurante situazione di persecuzione da parte del suo compagno già a partire dal 2017, in un clima di sopraffazione e di ostilità nei suoi confronti Le indagini dei carabinieri della stazione di Corigliano Calabro Scalo hanno evidenziato come vi fosse stata nel giro di pochi mesi una vera e propria escalation di atti vessatori e violenza fisica nei confronti della donna.
Prima l’uomo si era limitato a minacciarla ripetutamente, poi, in diverse occasioni, l’aveva aggredita fisicamente, anche con i più svariati oggetti che si trovava di volta in volta a portata di mano, costringendo la donna, in un caso, anche a seguirlo nei pressi del luogo dove fu barbaramente uccisa dal fidanzato la giovane Fabiana Luzzi nel 2013 e qui l’aveva minacciata di morte con un bastone. La donna ha dovuto anche subire un rapporto sessuale non consenziente, a cui l’uomo l’aveva costretta aggredendola fisicamente e successivamente minacciandola per ottenere il suo silenzio. La maggior parte degli atti di violenza messi in atto dall’uomo nei confronti della compagna avveniva davanti gli occhi delle tre figliolette, tutte minorenni. Sulla base dei fatti, all’uomo sono stati contestati i reati di maltrattamenti in famiglia aggravati e violenza sessuale ed applicata la misura cautelare dell’obbligo di allontanamento dalla casa familiare e di contestuale divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla denunciante, con l’imposizione di mantenere una distanza dalla stessa non inferiore ai 500 metri.

,