Trasporti: Pedà, mantenere corsa bus Reggio-S. Crstina Aspromonte

Catanzaro  – Con una lettera inviata all’assessore regionale alle Infrastrutture, Roberto Musmanno; all’amministratore di Ferrovie della Calabria, Paolo Marino e al responsabile dei servizi automobilistici della stessa azienda di trasporto pubblico, Sergio Aiello, il consigliere regionale Giuseppe Pedà ha chiesto ufficialmente a tutti gli attori interessati il mantenimento della corsa pullman mattutina delle ore 6,10, n.31 Reggio Calabria-Santa Cristina d’Aspromonte anche per il periodo estivo. La missiva – spiega – intende rappresentare le istanze pervenute da molti fruitori del servizio commerciale sopracitato -oltre che dal sindaco di Scido, Giuseppe Zampogna- promotori in questi giorni di una raccolta firme volta a scongiurarne la sospensione.
“Le esigenze delineate in tale petizione -ha evidenziato Pedà nel documento- appaiono pienamente condivisibili e legittime, sia in considerazione della circostanza che esprimono delle esigenze legate a ragioni lavorative ma anche e soprattutto perché provengono da una parte del territorio calabrese fortemente pregiudicata sotto il profilo della mobilità. Ritengo pertanto che le ragioni “sociali” debbano essere valutate come preferenziali rispetto a quelle “economiche”, imposte dalle regole del profitto e connesse a una gestione esclusivamente commerciale dei servizi. Ciò, a maggior ragione, laddove il servizio pubblico locale deve proiettarsi per sua vocazione naturale verso l’accoglimento delle richieste dell’utenza, che nel caso di specie -precisa l’esponente politico- appaiono ontologicamente privilegiate dalle motivazioni sottese alla richiesta”.
Pedà auspica quindi che i soggetti preposti si attivino al più presto al fine di soddisfare le richieste dei cittadini rispetto al mantenimento della corsa nel periodo estivo garantendo loro di poter svolgere in serenità la propria attività lavorativa e, al contempo, assicurando a numerosi centri calabresi un collegamento costante con la città di Reggio Calabria.