Università Calabria: Leone nuovo rettore, reazioni

Cosenza  – Nicola Leone è il nuovo rettore dell’Unical. Numerose le reazioni nel mondo politico, sindacale e culturale, dopo la sua designazione. Gli augura buon lavoro la parlamentare Enza Bruno Bossio (PD) che aggiunge: “La sua storia è quella di un luminare del mondo accademico, uno scienziato dell’innovazione e dello sviluppo della tecnologie di ultima frontiera: l’intelligenza artificiale, con tutto il suo ventaglio di potenzialità. Siamo certi – spiega – che sotto la sua guida l’Unical crescerà ancora e di più e sarà centrale nella formazione delle nuove generazioni calabresi, sviluppando quelle competenze digitali oggi più richieste nel mercato del lavoro”.
“L’elezione per la prima volta alla guida dell’ateneo cosentino di un calabrese nonché ex studente Unical, divenuto poi un ricercatore di fama internazionale, rappresenta una novità assoluta e la dimostrazione che i calabresi possono e debbono essere profeti in Patria” commentano, in una nota congiunta, Tonino Russo e Giuseppe Lavia, rispettivamente segretario generale di Cisl Calabria e di Cisl Cosenza. Per Russo e Lavia, “la costruzione di un futuro diverso per la nostra regione richiede l’assunzione di responsabilità delle migliori energie ed intelligenze calabresi”. Per la Cisl occorre ora lavorare insieme – aggiungono – per rafforzare il rapporto tra l’Unical e il territorio, per rilanciare un’offerta formativa capace di guardare sempre di più alle dinamiche del mercato del lavoro e agli scenari tendenziali socio-economici”.
Il Presidente della Provincia di Cosenza, Franco Iacucci, che nell’inviare a Leone il proprio messaggio di auguri per il prestigioso incarico, si dice “certo della volontà del nuovo Rettore di intensificare i rapporti con gli Enti locali del territorio, nell’ottica di uno sforzo comune per il futuro economico e sociale della comunità e di tutta la nostra regione. L’Università della Calabria – afferma – è un punto di riferimento importante e imprescindibile per il territorio provinciale e regionale e può essere il volano per una nuova e più condivisa strategia di sviluppo dell’intera Calabria”.

Il presidente della Regione Mario Oliverio, sentito telefonicamente il professor Nicola Leone, nuovo rettore dell’Università della Calabria, gli ha espresso le congratulazioni, anche a nome della Giunta Regionale.

“Al professor Leone – afferma Oliverio – formulo gli auguri di buon lavoro alla guida dell’Ateneo calabrese dove si troverà ad agire in un contesto regionale che necessita di crescita e innovazione. In questa direzione la Regione, in questi anni, ha investito sul sistema universitario calabrese, destinando, per la prima volta, risorse consistenti. In primo luogo per garantire il diritto allo studio dei nostri giovani ma anche a sostegno della ricerca e della innovazione delle strutture universitarie. A tal proposito, in continuità con questa impostazione, la Regione rafforzerà, anche attraverso la nuova programmazione, il sostegno al sistema universitario per contribuire alla crescita della Calabria. La capacità di produrre innovazione e il rafforzamento dell’alta formazione dei giovani è la vera sfida del futuro, non solo per la comunità accademica ma per l’intera regione. Il professore Nicola Leone su questa frontiera si è speso nel suo impegno accademico, con importanti risultati e riconoscimenti della comunità scientifica internazionale. Sono sicuro che alla guida dell’Unical contribuirà a realizzare traguardi eccellenti”.

 

Il presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Cosenza, ing. Nello Gallo, rappresentando anche il parere di tutto il consiglio esprime vivo compiacimento per il risultato elettorale che vede il prof Nicola Leone neo rettore dell’Ateneo calabrese.
“Ci auguriamo che la sua riconosciuta qualità scientifica, sia di stimolo e traino per l’intera comunità dell’Unical e – dichiara l’ing. Gallo – siamo convinti che insieme saremo capaci di innalzare il livello del confronto a tutto vantaggio della crescita del nostro capitale umano e dello sviluppo del territorio calabrese”.

 

,