Il tempo: domani piogge sparse al Nord, sole al Centro-Sud

Roma  – Previsioni del tempo in Italia fornite dal Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare.
SITUAZIONE: campo anticiclonico sull’Italia, con debole instabilità pomeridiana a ridosso dei principali rilievi montuosi.
TEMPO PREVISTO FINO ALLE ORE 06.00 DI DOMANI: NORD – sereno o poco nuvoloso con annuvolamenti in sviluppo diurno sui rilievi alpini e prealpini centro-orientali ed i settori appenninici tosco-emiliani, con possibili brevi ed isolati rovesci pomeridiani in dissolvimento serale. CENTRO E SARDEGNA – sereno o poco nuvoloso con annuvolamenti cumuliformi in sviluppo sulle principali aree montuose peninsulari associati ad isolati rovesci temporaleschi specie tra Abruzzo e Lazio, in dissolvimento serale. SUD E SICILIA – sereno o poco nuvoloso ma con nubi in aumento sulle aree appenniniche con brevi ed isolati rovesci temporaleschi pomeridiani, in dissolvimento serale. TEMPERATURE: massime in lieve aumento al nord, pressochè stazionarie altrove; minime senza variazioni significative. VENTI: deboli variabili a prevalente regime di brezza lungo le coste, con locali rinforzi da ovest sulla Sicilia meridionale e da nord ovest sulle coste pugliesi. MARI: quasi calmi o poco mossi, localmente mossi il canale d’Otranto, stretto di Messina ed in prossimità delle coste orientali della Sicilia.

 

TEMPO PREVISTO PER DOMANI: NORD – prevalenza di cielo sereno o poco nuvoloso su tutte le Regioni, ad eccezione di successivi rapidi sviluppi di nubi cumuliformi sui rilievi ed associati rovesci o temporali. Dal tardo pomeriggio sconfinamento dei fenomeni sulla pianura del Friuli-Venezia Giulia e del Veneto con associati forti colpi di vento. CENTRO E SARDEGNA – ampi spazi di sereno a parte debole instabilità diurna sull’appennino. SUD E SICILIA – ampio soleggiamento e scarsa nuvolosità ovunque, eccetto formazioni nuvolose sui rilievi peninsulari durante le ore centrali della giornata con occasionali rovesci. TEMPERATURE: minime in rialzo su Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Lombardia orientale, Romagna, Valle d’Aosta, Marche, Abruzzo, Molise, Campania e Sardegna orientale, generalmente stazionarie sul resto del Paese; massime in aumento su pianura veneta, Romagna, Marche, Umbria, Abruzzo, Molise, Puglia centrosettentrionale e sulle isole maggiori, in diminuzione sulla Liguria, senza variazioni di rilievo altrove. VENTI: da deboli a moderati da sud su basso Piemonte, Liguria, appennino emiliano, coste venete e del Friuli-Venezia Giulia; deboli variabili sul resto del nord con rinforzi sull’arco alpino; deboli occidentali sulle regioni centrali peninsulari, a regime di brezza lungo le coste; deboli variabili sul resto del Paese. MARI: mosso il mar Ligure; generalmente poco mossi i restanti mari.