Comitato Pro Farmacia Due Mari su trasferimento “Due Mari”

Maida – Il Comitato Pro Farmacia Due Mari interviene “ancora una volta a fare chiarezza su aspetti fondamentali che riguardano il trasferimento della farmacia al centro commerciale Due Mari. Ribadiamo con forza – scrivono – che la nostra non è una battaglia per cacciare la farmacia da Vena. Siamo sostenuti da gente che in altre epoche ha condotto battaglie per poterla avere e che oggi supporta, con convinto opportunismo e onestà morale (quello che per te non vuoi ad altro non fare), le nostre iniziative. Siamo nati con lo scopo di impedire con ogni mezzo al sindaco di ostacolare la ricollocazione della nostra farmacia in località Comuni Condomini del territorio di Vena presso il quale tutti i cittadini di Vena hanno interessi commerciali; per impedire la perdita definitiva dei servizi farmaceutici per la nostra collettività, vista la volontà più volte manifestata dal dottor Aloe di collocare la propria attività in altri ambiti del territorio dello Stato italiano di cui è già titolare, qualora gli venisse impedito il trasferimento richiesto”.
“La delibera di Giunta 224 del 9/12/2019 – continuano – che bocciava l’iniziativa di trasferimento, fatta oggetto di ricorso anche da parte del nostro comitato, è stata sonoramente annullata dal Tar della Calabria con sentenza 00303 del 19/02/2020. La convinzione di questo comitato, nel portare avanti fino alla vittoria questa battaglia, nasce dalla nostra elasticità mentale nell’aver capito che i nuovi orientamenti legislativi e giurisprudenziali equiparano le farmacie a normali attività imprenditoriali sia pur mantenendo una valenza sociale. Lo hanno sancito diverse sentenze del Consiglio di Stato ed in ultimo quella del Tar Calabria già citata. Resta sancito quindi, per cui si rassegni il sindaco e i suoi sostenitori e non perda altro tempo, che una impresa (soggetto che può esistere se esiste il profitto) colloca la sua attività dove gli conviene. Nel nostro caso nessuno quindi può impedire la libertà dell’imprenditore dottor Aloe a ricollocarsi nell’ambito dello stesso territorio col solo vincolo che rispetti una distanza minima di 200 metri da altri esercizi commerciali simili”.
“Per cui – rimarcano – non resta altro da fare al sindaco che contemperare le due esigenze: da un lato consentire all’impresa di riposizionarsi secondo i vincoli di distanza e territorialità, dall’altro attivare un servizio di assistenza farmaceutica a Vena, già offerta dal dottor Aloe, e solennizzarlo con una apposita convenzione. In subordine studi il sindaco, perché suo onere ed onore, una alternativa all’offerta ricevuta secondo quanto indicato nella sentenza del Consiglio di Stato 08238/2019 del 02/12/2019 e lasci libera al suo destino l’impresa Aloe. Di fronte a questo scenario essere favorevoli o contrari serve poco. È però servito a noi di Vena per dividerci e lacerarci nei rapporti sociali e personali. La responsabilità di tutto questo è di chi ci amministra perché, come spesso abbiamo denunciato”.
“Continuate pure a raccogliere firme – concludono – diffondendo la falsa illusione di aprire nell’immediato due farmacie di cui una al centro commerciale e una a Vena. Ma chi è contrario? Noi no! Vi suggeriamo però di non dimenticarvi di dire con chiarezza, e a voi cittadini di chiedere con forza prima di firmare, in virtù di quale legge si può fare tutto questo, quando in altri comuni passano decenni, altrimenti la vostra azione somiglia alla scena del film del grande Totò, allorquando vendette ad uno stupido cittadino americano dal nome Decio Cavallo la Fontana di Trevi, ovviamente un atto falso perché non vendibile in quanto non sua. Il film si concluse con una grande risata del pubblico, le vostre false promesse immaginate in che modo!”