Infrastrutture: Cisl, SS 106 opera fondamentale per la Calabria

Catanzaro  – “Dopo decenni, è finalmente al via un’opera fondamentale per la Calabria, il Sud, il Paese. La realizzazione del Terzo Megalotto della SS 106 è attesa da decenni ed è essenziale per lo sviluppo, per superare il gap infrastrutturale, per rompere l’isolamento di un territorio, per garantire la sicurezza grazie alla realizzazione del tracciato a due corsie per senso di marcia, in un tratto che è fra i più pericolosi d’Italia, disseminato di tante, troppe croci”. Lo affermano, in una nota, le segreterie di Cisl e Filca Calabria.
“Martedì 18 maggio, alla presenza del ministro alle Infrastrutture De Micheli e dell’Amministratore Delegato di Anas – spiega una nota – ci sarà, dunque, l’avvio del cantiere. Esprimiamo grande soddisfazione, perché finalmente potrà concretizzarsi un investimento da 1,3 miliardi, per un tracciato di 39 km da Roseto a Sibari, con una previsione di sette anni per il completamento”.
Per la Cisl, “l’apertura del cantiere, che darà occupazione a regime a circa tremila lavoratori, indotto compreso, rappresenta il migliore viatico per la “fase 2”, per uscire da una emergenza Covid-19 che sta impoverendo ulteriormente il già debole tessuto produttivo regionale. Finalmente una buona notizia, che ripaga tutti coloro che in questi anni, insieme alle organizzazioni sindacali e alle associazioni, si sono battuti per superare tanti ostacoli, per consentire ad un intero territorio di uscire dall’isolamento infrastrutturale”.