Settore cultura in ginocchio, Venerdì la manifestazione a Cosenza

Cosenza – “Tutto il settore dello spettacolo è stato colpito dai provvedimenti per arginare l’epidemia da Covid-19 che devono trovare il giusto equilibrio tra la sicurezza per lavoratori e pubblico e una spinta più decisa ed innovativa verso il rilancio delle attività. Purtroppo dopo il blocco iniziale, la ripartenza non ha prospettive di rientro a breve verso la normalità, stante i limiti sulla presenza del pubblico e la paura generata dalla situazione negativa”. Lo affermano in una nota unitaria le segreterie di Slc Cgil Calabria, Fistel Cisl e Uilcom Uil. “Tutto il comparto quindi è in grandissima sofferenza e troppi lavoratori non hanno ancora ricevuto gli ammortizzatori o le indennità e sono ancor oggi senza tutele garantite, nonostante le promesse. I dati sulla crescita del contagio, il fatto che per lunghi mesi, non si potrà tornare alla normalità, richiedono di individuare con certezza sostegni per i lavoratori e per le imprese per un periodo lungo a partire da un piano di rilancio utilizzando anche le risorse del Recovery Fund”. Per questo motivo le segreterie sindacali parteciperanno alla manifestazione di protesta che si terrà venerdì 30 ottobre dalle ore 10e30 nelle piazze italiane a supporto dei lavoratori del settore. In Calabria la manifestazione si terrà a Cosenza.