Lamezia: il 10 agosto beneficenza per pediatra con “ET sotto le stelle”

et-sotto-stelle

-di Claudia Strangis

Lamezia Terme – Il 10 agosto la solidarietà sarà protagonista a Lamezia con l’evento patrocinato dalla Fondazione Culturale Carlo Rambaldi, insieme con l’associazione onlus Effra, VO.LA. e l’associazione UNA. L’intento della giornata sarà, infatti, raccogliere fondi per il reparto di pediatra dell’ospedale lametino e allietare la permanenza dei bambini e delle loro famiglie durante il loro ricovero. Già dalla mattina, infatti, i volontari di VO.LA. animeranno il reparto, mentre come spiegato da Anna Sciarrino di UNA, l’associazione donerà un lettore DVD insieme a una copia di ET, il film che ha consacrato per la terza volta Carlo Rambaldi con un Oscar per gli effetti speciali. La sera, invece, nel corso di una serata di Gala si terrà la raccolta fondi per il reparto del nosocomio lametino, sostenendo l’attività dell’EFFRA, rappresentata dal primario di pediatria Ernesto Saullo, che supporta le famiglie dei bambini costretti in ospedale perché affetti da patologie croniche. Il tutto, in linea con il fine dell’associazione che porta il nome del re degli effetti speciali e, soprattutto, con la sua personalità e il suo modo di essere, come ricordato oggi da entrambi i figli, Victor e Daniela, non con poca emozione, durante la conferenza stampa di presentazione tenutasi a Palazzo Nicotera.

et-sotto-stelle-01

Carlo Rambaldi, come ha spiegato suo figlio Victor, era “un uomo rimasto bambino”, con lo spirito del fanciullino e che amava guardare e spingersi oltre. Proprio in questo senso, si spingono le volontà della fondazione che, nata per conservare, catalogare e proporre al pubblico i reperti della vita di Carlo Rambaldi, interamente dedicata al cinema, vuole porre al centro delle sue iniziative i giovani. Oltre alla costruzione di un museo nel ferrarese, l’intenzione dei figli, in qualità di presidente e vicepresidente della fondazione, è quella di portare la figura di Carlo Rambaldi come un esempio per i giovani, “aiutandoli – ha specificato Victor Rambaldi – a credere ai loro sogni, non abbandonando mai la propria immaginazione”. “Per questo – ha poi sottolineato – questa iniziativa è perfettamente combaciante con lo spirito che anima la fondazione”. Una data quella del 10 agosto, comunque, non scelta a caso, perché, come ha spiegato una commossa Daniela Rambaldi, è il terzo anniversario della morte del padre, oltre che emblematicamente una nottata suggestiva. Nonostante la città di Lamezia non l’abbia, purtroppo, celebrato quando era in vita, la famiglia ha scelto comunque di partire con la prima di una serie di iniziative per conto della Fondazione proprio nella città in cui il papà di ET ha vissuto gli ultimi suoi dieci anni. In chiusura, il sindaco Paolo Mascaro, ha rimarcato “quanto dia l’associazionismo, sopperendo spesso, – ha aggiunto – alle mancanze dell’Amministrazione comunale”. “Aiutare l’associazionismo vero – ha concluso – quello che migliora le condizioni di questa città”.

 

,