Sud: Camusso, no logica del ‘gufo’, risorse sono andate al Nord

susanna-camusso-cgil

Roma – Il governo Renzi non dimostra la volonta’ di affrontare i veri drammi del Paese, ma senza far ripartire il sud non ci sara’ nessuna speranza per l’Italia. Questa la posizione del segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, che critica l’esecutivo che ha scelto di non avere un ministero della Coesione sociale. “E’ una scelta precisa – ha dichiarato nel videoforum su Repubblica Tv – le risorse sono gia’ andate al nord”.
“Trovo sgradevole – ha sottolineato – che se qualcuno fa proposte diverse e porta nuovi argomenti puo’ essere uno che piange, un gufo, un nemico. Ma la logica dell’amico/nemico dimostra la non volonta’ di affrontare i veri drammi del Paee, che sono quelli dell’occupazione, del lavoro”.
Secondo Camusso, “o si chiude la forbice che si e’ drammaticamente allargata tra nord e sud, o annunciare la ripresa, l’uscita dalla crisi, la soluzione ai problemi dell’occupazione, e’ tutto finto”. Per il leader della Cgil viene raccontata la storia che ci sono “chissa’ quali flussi verso il sud” e si ripete sempre che le risorse vengono spese male: questi argomenti hanno “fondamento nella storia” ma non giustificano l’argomentazione che ci sia “un furto verso il nord: bisogna ristabilire la verita’”. Per Camusso, pero’, il presidente del Consiglio continua a parlare di tasse invece che di investimenti e di lavoro.