Autonomia: Sposato (Cgil), Sud non è zavorra ma risorsa

Catanzaro  – “Il governo crede che, eliminando la ‘zavorra’ del Sud, le regioni del Nord possono tornare a essere competitive nel Paese, senza capire che i mercati non si fermano al Nord ma stanno dentro i processi di globalizzazione, che di fatto hanno messo in crisi le più grandi aziende del Paese”. Lo ha detto il segretario generale della Cgil Calabria, Angelo Sposato, parlando a un dibattito a Brindisi. “Lavoro, istruzione, salute – ha aggiunto Sposato – devono essere il collante per l’unità del Paese. Il Sud deve recuperare una nuova visione di meridionalismo a partire dalla gestione delle risorse comunitarie in chiave macroregionale, puntando su investimenti, crescita e lavoro. Dalla manifestazione di Reggio Calabria del 22 giugno può ripartire un nuovo scatto di orgoglio del Sud. Ma – ha rimarcato il segretario della Cgil Calabria – occorre una battaglia comune contro le mafie e la corruzione, una battaglia contro lo sfruttamento e il lavoro povero e per il rinnovamento delle classi dirigenti del Sud. Aprire la questione salariale e del fisco progressivo deve diventare terreno comune di lotta”.