Lamezia: accusato di abuso d’ufficio, Cassazione assolve dottore Morabito

spinelli-pino-09-07

-di Claudia Strangis
Lamezia Terme – Si chiude definitivamente  la vicenda giudiziaria che riguarda il dottor Pietro Morabito, ex Direttore Generale dell’Asp di Catanzaro, accusato di concorso in abuso d’ufficio in danno della dottoressa Italia De Rose.
La Corte di Cassazione, all’udienza del 23 giugno 2015, infatti, ha definitivamente assolto il dottor Morabito, difeso dall’avvocato Giuseppe Spinelli, dall’accusa di avere, “nella sua qualità di Direttore Generale dell’Asp di Catanzaro, ed essendo a conoscenza dell’impedimento nello svolgimento delle prerogative afferenti all’incarico apicale di Dirigente del Suem 118 di Lamezia Terme che la Dott.ssa De Rose stava subendo, omesso volutamente di adottare alcun provvedimento a salvaguardia della De Rose, e quindi di averle procurato intenzionalmente un grave danno ingiusto”. L’ex dirigente generale era stato assolto “per non aver commesso il fatto”, il 30 luglio dello scorso anno, dal Gup del Tribunale di Lamezia Terme. La dottoressa De Rose, parte civile nel processo, aveva proposto ricorso avverso in Cassazione alla sentenza di assoluzione. Sentenza che invece è stata riconfermata dalla Corte romana, che ha assolto il dottore Morabito e ha rigettato il ricorso della parte civile.