Perseo: Pasquale Notarianni condannato a 7 anni

Tribunale-Notarianni

-di Claudia Strangis
Lamezia Terme – Sette anni di reclusione, 40mila euro di multa e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Questa la condanna per Pasquale Notarianni, imputato in un processo stralcio nell’ambito del procedimento “Perseo”, accusato di associazione, estorsione, detenzione e spaccio. Notarianni, difeso dall’avvocato Leopoldo Marchese, aveva deciso di affrontare il processo secondo le modalità del cosiddetto giudizio abbreviato condizionato. Il pubblico ministero Elio Romano aveva chiesto per l’imputato una condanna a 12 anni, mentre dall’altro lato il suo legale aveva chiesto l’assoluzione per il suo assistito, soffermandosi su delle incongruenze nelle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia che hanno deposto nelle varie udienze del processo. La sentenza di condanna, che doveva essere decisa il 7 luglio scorso, è stata emessa oggi dopo alcune ore di Camera di Consiglio e pronunciata dal presidente del collegio giudicante, la dottoressa Maria Teresa Carè che ha deciso, inoltre, per la confisca dei beni nei confronti del Notarianni.