Lamezia: Salvini, il problema della Calabria non sono io

lamezia-salvini

-di Stefania Cugnetto
Lamezia Terme – Matteo Salvini, leader della Lega Nord, oggi a Lamezia è stato il protagonista di conferenza indetta da Mtl, per spiegare le ragioni della sua presenza in Calabria. Incontro che è stato introdotto da Domenico Furgiuele, segretario cittadino che ha illustrato le ragioni dell’avvicinamento alla Lega. “Quando abbiamo deciso di avvicinarsi alla Lega – ha spiegato – tutti ci dissero che eravamo dei traditori, ora invece ci sono molti leghisti nel sud”. Furgiuele ha poi chiarito i perché della loro scelta di unirsi alla Lega Nord, “molti ci chiedono perché Matteo Salvini, noi abbiamo scelto perché la differenza tra nord e sud è una dicotomia superata; perché siamo contro l’Europa, un’Europa folle ; perché noi abbiamo avuto il coraggio di contrastare l’immigrazione, una piaga che costa a noi contribuenti e porta clandestini di cui non si conosce niente, senza documenti sul nostro territorio per venire sistemati in alberghi a tre stelle; perché siamo contro la legge Fornero”.

lamezia-salvini3  lamezia-salvini4

Il segretario di Mtl ha annunciato il loro progetto “oggi presentiamo un progetto nuovo con il Matteo “giusto”, lui che ha saputo cogliere le istanze del nostro meridione”. Ha parlato di “dittatura finanziara”, il consigliere Massimo Cristiano e rivolvendosi al leader della Lega ha dichiarato: “noi Matteo vogliamo toglierci di dosso l’etichetta di mafiosi per forza, noi abbiamo sposato un progetto diverso, contro un Europa che ci ha sottoposto ad una dittatura finanziaria”. Cristiano ha poi annunciato che presto proporrà in consiglio lo smantellamento del campo rom di Lamezia. Matteo Salvini ha parlato di legalità, sicurezza e tranquillità, affermando “meglio un posto di lavoro in più e un clandestino in meno”. Si è poi rivolto ai calabresi, “leggendo i giornali sembra che il problema della Calabria sia Salvini, forse chi lo pensa andrebbe ricoverato. Se crollano i viadotti, se arrestano i consiglieri, se sbarcano gli immigrati non è colpa di Salvini. Chi ha governato con i vostri soldi finora non l’ha fatto bene. Noi siamo a disposizione dei calabresi per una vita più serena”. Salvini si è detto pronto a vincere le prossime politiche, anche insieme al sud, specificando che crede ancora fermamente nel federalismo “noi vogliamo vincere in Italia, anche con il sud, credo ancora nel federalismo, conviene a tutti, soprattutto al sud per liberarsi dalla morsa di Roma e di Bruxelles”.

lamezia-salvini1  lamezia-salvini2

 

Sul Europa, Salvini, torna a più riprese, “ se questo è il risultato meglio fare da soli – e sulla situazione greca afferma – la vicenda della Grecia dimostra il fallimento dell’Europa, il popolo greco ha il merito di aver svegliato il popolo europeo, a prescindere dal risultato del referendum”. Sul tema Dell’immigrazione il leghista non ha dubbi “soccorre tutti ma non fare toccare suolo a nessuno- ed ha aggiunto- Onu e Europa se ne fottono, allora l’Italia non deve pagare per tutti”. Salvini ha poi chiosato con un secco “Chiudiamo le frontiere”. Assenti il sindaco Paolo Mascaro e l assessore comunale Elisa Gullo, previsti fino a ieri. Davanti all’hotel che ha ospitato il leader del carroccio una ventina di persone hanno protestato, con striscioni “meglio una vita da clandestini che un giorno da Salvini”, all’uscita l’onorevole della Lega ha inviato un bacio ai protestanti.