Lamezia Civica a chi giova le stucchevoli polemiche

gruppo-lamezia-civicaLamezia Terme – Riceviamo e pubblichiamo una nota del Movimento Progetto Lamezia Civica che “si domanda a chi giovano queste stucchevoli polemiche tra forze politiche di maggioranza, le quali dovrebbero invece unire gli sforzi per concepire idee utili per la città. Certo, vi sono stati avvenimenti politici importanti, che ancora impegnano il sindaco a comporre il mosaico più efficace per la conduzione amministrativa; occorre però riflettere e ragionare.
Non ci sono – prosegue – alternative a questo sindaco e a questa maggioranza, è impensabile immaginare che il quadro politico possa stravolgersi senza che ciò aggravi ulteriormente i problemi di Lamezia: le forze di maggioranza dovrebbero prenderne atto, stringersi intorno al sindaco e lavorare insieme per il bene comune.
Se il nodo è il dissesto, occorre prendere atto che la determinazione del sindaco a scongiurarlo è al momento una decisione saggia e finalizzata ad evitare guai peggiori alla cittadinanza, a scongiurare anche possibili perdite occupazionali, ad esempio la Multiservizi.
Se il nodo è il PSC, legittime sono le posizione di tecnici e cittadini, ma crediamo che occorra privilegiare scelte che vadano in direzione della crescita e dello sviluppo anche economico di Lamezia Terme.
A nessuno – aggiunge – dei partiti sfugge il drammatico momento finanziario che attraversa la città; oggi i rappresentanti delle passate amministrazioni pontificano come se non avessero determinato questa situazione: ma anche qui il sindaco Mascaro, che vediamo attento e studioso di ogni problematica, ha scelto la strada giusta privilegiando il risanamento finanziario quale primo obiettivo per poter programmare, in futuro, con serietà e profitto.
Era evidente – commenta ancora – a tutti che questa strada avrebbe comportato nell’immediato sacrifici e rinunce, ma dopo un periodo di magra siamo convinti che si potrà risalire la china e cominciare ad attuare il programma che il sindaco si è dato; a patto che, in primis i partiti della maggioranza, continuino a credere in questo progetto politico, che non ha alternative.
Per questo – evidenzia – non abbiamo capito e condiviso scelte personali di abbandono, ne’ capiamo il silenzio di compagini che invece dovrebbero essere in prima linea nella difesa di questa amministrazione”.
Progetto Lamezia Civica “esprime il proprio totale ed incondizionato appoggio al Sindaco Paolo Mascaro nel percorso lungo la strada annunciata in campagna elettorale.
Ai cittadini – sottolinea – non interessano beghe politiche tra partiti, ancor meno strategie e posizionamenti, dietrologie e squallide polemiche, specie tra alleati; ai cittadini occorrono fatti.
La costruzione di un dialogo franco e leale deve segnare la fine della stagione del conflitto pregiudiziale e presunto, la conclusione definitiva della politica dei rancori e delle polemiche, del continuo rinfacciare ritardi nell’operato dell’attuale amministrazione (si ripete, spesso causati dal caos economico lasciato in eredità dalla precedente amministrazione) che alla fine non portano alcun frutto e non aiutano nessuno.
Un dialogo che sia punto di avvio dell’agire in sintonia, sinergicamente, collaborando ad uno scopo comune: rispondere istituzionalmente ai bisogni e alle domande della città.
Che si mettano da parte i personalismi e le sterili polemiche – prosegue- che hanno caratterizzato le vicende più recenti della vita politica cittadina e che ogni giorno riempiono i quotidiani per far posto ad una fattiva collaborazione in vista dei prossimi e corposi programmatici: la riorganizzazione dei servizi, l’approvazione del PSC, il Piano Spiaggia e la realizzazione di una mirata programmazione comunitaria.
L’appello del gruppo PLC, con il suo consigliere Giusi Raso, “è quello di superare le appartenenze e le divisioni interne, tornare alla vera politica, nel sua più nobile ed aristotelica accezione di amministrazione della “polis” per il bene di tutti. Mettere da parte egoismi e manie di protagonismo ed iniziare a percorrere una strada insieme con un obiettivo comune, non dimenticando che il futuro di Lamezia rappresenta anche il futuro di chi ci sta a cuore”.