Lamezia: Cristiano(Mtl) “mettere in sicurezza i fiumi in città”

Lamezia Terme – “La questione di fiumi che attraversano la nostra città, ha raggiunto ormai un livello davvero preoccupante, infatti la stragrande maggioranza dei corsi d’acqua risulta invasa da una fitta vegetazione e detriti che ostruiscono il naturale corso dell’acqua. Ad oggi la competenza dei corsi è ancorata ad un limbo tra Regione, Provincia e Comuni, ma ci preme ribadire che la sicurezza dei cittadini viene ancor prima del pantano burocratico esistente”. Lo afferma in una nota il consigliere comunale di Lamezia Terme, Massimo Cristiano che aggiunge “ritengo doveroso ed indispensabile un’ intervento su questa vicenda anche per via delle mutazioni climatiche caratterizzate da improvvisi temporali, che naturalmente accrescono i rischi per i cittadini. Tutti noi – prosegue – conosciamo la grave condizione economica in cui versa il nostro Ente, per questo ho presentato un progetto a costo zero che riesce a coniugare la condizione economica del Comune con la pulizia dei corsi d’acqua”. Cristiano ricorda che “il progetto è stato attuato con successo in Veneto con la realizzazione delle opere di mitigazione del rischio idraulico e geologico e di ripristino delle condizioni naturali e di sicurezza dei corsi d’acqua e delle relative pertinenze con il sistema della compensazione”. Per Cristiano “in tal modo, i costi della realizzazione dell’opera per l’estrazione dei detriti utile al ripristino naturale del letto del fiume, potranno essere compensati con il valore del materiale estratto riutilizzabile, sulla base dei canoni demaniali vigenti. La proposta, quindi, è quella di procedere con un avviso pubblico tendente ad individuare i soggetti interessati a tale procedura”. Cristiano riferisce che “sono molti i cittadini che hanno espresso forte preoccupazione per la condizione dei corsi d’acqua, basti pensare ai fiumi: Canne, Bagni, Cantagalli e Piazza e altri..che attraversano i centri abitati di Nicastro, Sambiase e S. Eufemia. Questa proposta, come in passato, è stata consegnata all’ Amministrazione Comunale per l’interesse collettivo. Dopo i recenti fatti di Livorno, dove un torrente è straripato nel centro città,e’ doveroso – conclude – un’ intervento preventivo a favore della sicurezza dei cittadini”.