Lamezia: Nicolazzo comune sempre più verso il baratro del dissesto

Lamezia Terme – “È di qualche ora la notizia che il Comune di Lamezia Terme è entrato in regime di salvaguardia in merito alla fornitura del servizio di energia elettrica.
Il meccanismo, benché tutelante per i servizi di base resi alla cittadinanza, sancisce
ancora una volta la gravità della situazione finanziaria del nostro Comune ed aggrava
le già poco fiorenti casse comunali (pesando, giocoforza, sulle tasche dei cittadini)”. Lo scrive in un comunicato Davide Nicolazzo di Cittadini Attivi In Politica che aggiunge: “Una situazione grave e per la quale la terna commissariale (o per lei il Dirigente del settore finanziario) dovrebbe dare ampia motivazione ai cittadini di Lamezia Terme”. Nicolazzo ricorda che “L’amministrazione guidata dal Sindaco Paolo Mascaro era riuscita, non senza sforzi, a rientrare dal regime di salvaguardia. Ma, ad oggi, i precedenti sforzi sono andati vanificati. In soli 6 mesi si è bruciato quanto di buono la passata amministrazione era riuscita a fare; un percorso certosino e virtuoso che, se ultimato, avrebbe garantito ai cittadini meno tasse e più servizi; purtroppo ora sembra irrimediabilmente compromesso.
Esprimiamo, pertanto, grande rammarico – conclude – per quanto appreso e chiediamo con forza di fare luce sulle motivazioni che stanno spingendo le finanze del Comune di Lamezia Terme sempre più verso il baratro del dissesto.
Abbiamo il diritto di essere informati”.