Lamezia: Mascaro, indagato per aver autorizzato la “Final eight 2017”

Lamezia Terme – Con un “viva Lamezia” si conclude il post pubblicato, oggi pomeriggio, su facebook da Paolo Mascaro dopo aver ricevuto la notifica dell’avviso conclusione indagini nel procedimento che lo vede indagato per abuso d’ufficio.
Lo stesso ex sindaco della Città della Piana ha, infatti, deciso di pubblicare l’immagine della prima pagina dell’avviso notificatogli da parte della Procura della Repubblica di Lamezia Terme, in cui si vede indagato per aver “con ordinanza sindacale 18044 dell’ 8 marzo 2017be con successivi provvedimenti dilatori, in spregio alla diffida del Prefetto di Catanzaro prot. 3262 del 9 marzo 2017 e alla diffida del Comando dei Vigili del Fuoco di Catanzaro in pari data…autorizzava la società organizzatrice ASD Royal Team Lamezia all’utilizzo esclusivo del Palazzetto Sportivo “ALFIO SPARTI” in occasione della manifestazione sportiva denominata “Finaleight 2017” per i giorni 9,10, 11 marzo 2017”.
Una manifestazione che, afferma ancora oggi Mascaro, è stata meravigliosa, dicendosi altresì orgoglioso di aver consentito a Lamezia di crescere prima da altri ne venisse decretata la morte.
Un’ amara presa d’atto quella di Mascaro che, nel rispetto pieno della magistratura e degli organi di Stato, evidenzia come l’attenzione sia stata catalizzata su chi, come lui, ha difeso il diritto di una terra e di una Comunità a vivere consentendo lo svolgimento di manifestazioni gioiose, piuttosto che focalizzarsi su chi avrebbe illegittimamente deciso di far morire Lamezia.
Mara Larussa