Lamezia: Gigliotti(Italia Nostra), Sant’Eufemia vive nel degrado

Lamezia Terme – “Una volta, ormai tanto tempo fa, Sant’Eufemia Lamezia era una perla di bellezza e un luogo di incontro tra gente di diversa estrazione sociale e culturale era Comune. L’aeroporto, la stazione ferroviaria, l’uscita autostradale: un crocevia unico che potevano fare di Sant’Eufemia uno snodo cruciale per la Calabria intera”. Lo scrive in un comunicato il presidente di Italia Nostra, Giuseppe Gigliotti che aggiunge: “Oggi nonostante il notevole numero di passeggeri che parte e arriva presso l’aeroporto di Lamezia Terme, l’impatto su Sant’Eufemia e la città lametina è pari quasi a zero. La mancanza di programmazione e di iniziative non pone la nostra città come meta commerciale e soprattutto turistica. I nostri siti storico-culturali rimangono sconosciuti”.
Secondo Gigliotti “una città che non ha mai conosciuto un periodo così nero come ora. Periferie e via principali totalmente al buio. Lampadine spente che da mesi non vengono cambiate, lampioni mozzati in attesa di essere sostituiti. Tutti i luoghi di incontro, di cultura, di sport chiusi. Una città in pieno degrado e abbruttita dall’abbandono”. I volontari di Italia Nostra hanno scattato anche delle foto dalle quali si evince come “persino la sede comunale – denunciano – è stata chiusa ormai da mesi”. “Basta – conclude – è ora di cambiare pagina. É ora che gli incapaci vadano a casa. Lamezia Terme merita di più e meglio”.