Lamezia: Nuovo Cdu, tornare a votare per la Provincia di Catanzaro

Lamezia Terme – ”Passata l’euforia e la contentezza, ora diamo al Sindaco Mascaro il tempo di verificare, valutare e raccogliere i cocci di questa città martoriata e offesa. Però dobbiamo incominciare a riflettere e a porci delle domande. A dire il vero la domanda principale l’abbiamo già posta nel nostro comunicato già divulgato a caldo subito dopo la notizia. Chi paga i danni di tutto ciò?” Lo afferma in una nota congiunta il coordinatore cittadino del Nuovo Cdu,Giancarlo Muraca e il presidente cittadino del Nuovo Cdu di Lamezia, Giuseppe Muraca che si domandano: “Dal punto di vista morale, di immagine, ecc.. chi deve risarcire la città di Lamezia, i lametini, il Sindaco, gli assessori e i consiglieri comunali?E, continuando sotto l’aspetto economico, chi risarcisce le società sportive, i privati, le associazioni culturali, ecc…, che hanno dovuto affrontare sicuramente disagi, mancanza di sponsor, ma anche spese esorbitanti per allenarsi, giocare e svolgere le proprie attività in luoghi lontani da Lamezia?” Per i Muraca “certo i problemi strutturali delle strutture ci sarebbero stati anche con l’amministrazione Mascaro, ma sicuramente i problemi si sarebbero affrontati e risolti in tempi tecnici e burocratici brevi e, comunque, sicuramente (chi di dovere)si sarebbero prese qualche assunzione di responsabilità che spetta a chi dirige ed amministra”.

A giudizio degli esponenti del Nuovo Cdu, “Un’altra cosa importantissima,e non secondaria a tutte le altre problematiche, riguarda l’aspetto politico. Ci domandiamo: perché la città di Lamezia non deve avere rappresentanti (eletti da sindaci e consiglieri comunali) in senoal consiglio provinciale? Visto il risultato del TAR, che ha evidenziato un sostanziale errore nello scioglimento del consiglio, non ci sembra giusto che i nostri rappresentanti non si siano potuti candidare ed esprimere il loro parere alle scorse elezioni di fine ottobre e, quindi, a seguito di questa ingiustizia,la città non potrà avere rappresentanti in consiglio provinciale per i prossimi 5 anni.
Secondo i Muraca “Politicamente e moralmente sarebbe giusto votare nuovamente. Questo caso – aggiungono – probabilmente non è previsto o normato e non ci sono precedenti da poter confrontare, ma il buon senso, e soprattutto il rispetto per Lamezia, passa anche da queste cose e imporrebbe una nuova votazione per l’elezione dei rappresentanti nel consiglio provinciale”.
Ancora per i Muraca “Sicuramente molte altre cose si potrebbero evidenziare, sottolineare e menzionare (siamo pronti a discuterne), ma ora cerchiamo tutti di lavorare per risollevare le sorti di questa città come merita.
Certo – concludono – noi abbiamo in mente a chi imputare tutte queste colpe e soprattutto a chi farle pagare, ma purtroppo o per fortuna non siamo noi a decidere e rispettiamo i ruoli. Speriamo solo che anche questa volta non passi tutto in cavalleria e, come al solito, non paghi nessuno”.