Lamezia: Mascaro “favorevole integrazione Presidio Ospedaliero”

Lamezia Terme – Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa redatto dal Coordinamento 19 Marzo che incontrastato il Sindaco Mascaro per avere chiara la sua posizione sulla fusione.

Il comunicato: “Si è tenuto questo pomeriggio un incontro tra il Coordinamento 19 Marzo ed il Sindaco Paolo Mascaro. L’assemblea ha avuto ad oggetto la ormai calda questione della fusione tra l’Azienda Ospedaliera Universitaria Mater Domini, l’Azienda Ospedaliera Pugliese-Ciaccio ed il Presidio Ospedaliero di Lamezia Terme, che ha ormai ottenuto il placet all’unanimità del Consiglio regionale.
Dopo una breve ma necessaria premessa storica – da quel 19 Marzo 2016 ad oggi – da parte del Sindaco ed aver rappresentato i componenti del Coordinamento quali sono le preoccupazioni dovute al passato, e segnatamente che si possano spostare su Catanzaro i maggiori interessi e servizi, il primo cittadino si è espresso nel senso che questa fusione non deve essere vista come un passo negativo per la Città ed il Giovanni Paolo II. Certamente la nuova legge regionale è una cornice importante ma del quadro ancora non si conosce nulla. Resta il fatto che, come il Coordinamento ha voluto sottolineare fin da giorno 11 Marzo scorso e come continua a sostenere, se ad oggi non si conosce nulla del futuro, in qualcosa quella proposta di legge portata avanti da alcuni Consiglieri regionali mancava e difetta. Non è un dato di poco conto, anzi. Se si aspetta una legge da 20 anni, dopo questo tempo non si può arrivare a non dare minime risposte certe alla cittadinanza sulla posizione futura di Lamezia.
Armando Cavaliere ha tenuto poi a ricordare che devono restare fermi gli impegni assunti, insieme ai tanti Sindaci (o loro delegati) dell’hinterland nel Luglio 2017 in quella Piattaforma di rivendicazione, di cui si sta vedendo la realizzazione (a breve verrà inaugurato anche il Centro di Salute Mentale su Colle Sant’Antonio), e che la fusione non dovrà assolutamente fermare l’apertura del reparto di Neurologia piuttosto che del servizio di Emodinamica, ad esempio per il solo fatto che si hanno già a Catanzaro. I punti contenuti in quel documento sottoscritto dai primi cittadini dovranno essere rispettati da quel quadro di cui la nuova legge è cornice. Certo, il tutto aspettando anche cosa vorrà fare il Governo rispetto alla legge regionale considerato che, almeno dalle dichiarazioni dei Parlamentari, non si può escludere una “impugnazione” di quest’ultima che, già a prima vista, pare mostrare alcune illegittimità anche al Coordinamento.
Il Sindaco Paolo Mascaro ha voluto evidenziare di essere favorevole all’integrazione del Presidio Ospedaliero di Lamezia Terme e che da oggi si apre una partita decisiva in quanto dovrà procedersi alla stesura di protocollo di intesa ed atto aziendale che dovranno inevitabilmente riconoscere importante ruolo e doverose specializzazioni del Presidio Ospedaliero lametino riconoscendo al territorio adeguata rappresentatività in termini di eccellenza sanitaria”.
Distinti saluti
Coordinamento Sanità 19 Marzo