Lamezia: Sanità 19 Marzo, “gravi carenze nella farmacia” ospedale

Lamezia Terme – “All’ospedale di Lamezia, anche la farmacia territoriale è senza personale ed ha grande difficoltà a dare risposte”. Lo denuncia il Coordinamento Sanità 19 Marzo secondo il quale “il passare del tempo non depone a favore della Sanità e della tutela del diritto alla salute dei calabresi, cosa stanno aspettando i nostri politici? Troppi ritardi – prosegue – non possono che suscitare gravi problemi in ogni struttura sanitarie, immaginate in quelle dell’Asp di Catanzaro già tanto penalizzate dalla mala politica. Ci ritroviamo ancora una volta davanti alla necessità di chiedere attenzione da parte della Regione Calabria per il Giovanni Paolo II di Lamezia Terme”. Il Coordinamento segnala “che le tante incomprensibili mancanze politico-amministrative, espongono l’ospedale all’ennesima preoccupante ‘denuncia’” e ricorda che “La farmacia territoriale, in questi ultimi mesi, molto spesso non riesce nei giusti termini di tempo a dare risposte ai malati. La farmacia territoriale – spiega – deve fornire farmaci e presidi che in molti casi sono salva vita, ma nonostante la disponibilità di chi ci lavora, si trova in grandi difficoltà”. Il Coordinamento si pone della domande: “ Si sono chiesti dalla Regione come si può tutelare il territorio con due farmacisti, un dirigente e due impiegati? Ci chiamano “Sanità da terzo mondo”, e come potrebbe essere altrimenti in questa situazione? Senza personale come si può sopperire alle necessità del territorio? Chi non prende provvedimenti, vuole darci una spiegazione?”.

A giudizio del Coordinamento “Una situazione cosi grave in questo Ospedale non si è mai vissuta. È urgente – commenta – valutare concretamente cosa necessita a questo servizio di primaria importanza. È un’area delicata che deve poter aiutare i malati e le famiglie, invece, anche se il personale fa i salti mortali per fornire ciò che serve, ci si scontra contro i classici muri di gomma”. Ed ancora pone e sino altre domande “Perché non si integra il personale necessario? Perché non si fanno le gare necessarie a far arrivare farmaci e presidi?” “Stiamo parlando – prosegue – di problemi serissimi che toccano molte famiglia e che dovrebbero essere risolti in poche ore, forse un giorno. Problemi che interessano la sopravvivenza di esseri umani in difficoltà gravi. Un ultima semplice domanda la poniamo a chi è già in campagna elettorale: Se la politica degli anni passati ha distrutto il diritto alla cura nel lametino, quella attuale cosa intende fare?”