‘Ndrangheta: Guarascio, solidarietà a procuratore Manzini

Lamezia Terme – “In queste ore frenetiche di campagna elettorale a Lamezia Terme, sento l’obbligo di fermarmi e richiamare l’attenzione su un fatto gravissimo accaduto nei confronti del magistrato Marisa Manzini, ancora una volta vittima di pesanti minacce della ‘ndrangheta”.
E’ quanto afferma il candidato a sindaco, Eugenio Guarascio che stigmatizza le notizie diffuse circa l’ennesima sfida della criminalità organizzata contro lo Stato.
Guarascio condanna senza mezzi termini quanto ricostruito dalla Gazzetta del Sud che scrive di nuove minacce alla Manzini da parte del boss Pantaleone Mancuso, emerse davanti alla seconda sezionale penale del Tribunale di Salerno dove si è celebrata la prima udienza del processo a carico del Mancuso, figura apicale dell’omonima cosca della ’ndrangheta vibonese, imputato di “oltraggio a un magistrato in pubblica udienza”. Reato aggravato dalle modalità mafiose.
“Sono profondamente colpito – aggiunge Guarascio – ed esprimo la mia piena e convinta solidarietà e vicinanza ad un magistrato di valore da sempre in prima linea nella lotta alla criminalità organizzata. Dobbiamo respingere con forza e determinazione questi attacchi e salvaguardare tutte le istituzioni della giustizia che sono un baluardo contro il malaffare e la prepotenza”.