Lamezia: De Biase, Appello al Presidente della Regione Calabria

Lamezia Terme – “Presidente, visto i suoi sani e buoni rapporti, oltre alla sua storia politica, se può e se vorrà, solleciti Berlusconi a donare almeno la metà delle risorse offerte alla Lombardia, ovvero, se doni alla Calabria almeno la metà di quello che ha dato alla sua Lombardia, ci aiuterà con cinque milioni di euro, ne abbiamo estrema necessità”. È quanto afferma in una nota Salvatore De Biase, già presidente del Consiglio comunale Lamezia, nel lanciare un appello alla presidente della Regione Jole Santelli.
“La Calabria – dice – come giornalmente Lei ben rappresenta nei luoghi preposti, è più a rischio più di tante altre regioni. Non dispone di attrezzature adeguate; non ha mezzi; ha pochi posti letto; e se i casi di Coronavirus crescono, da ‘Noi’, si muore a largo raggio. Insomma registriamo la solita storia. I ricchi aiutano sempre chi sta bene e i poveri stanno a guardare? O meglio, a tormentarsi su come sopravvivere? Anche sul problema coronavirus il distinguo è palese. Berlusconi che ha regalato 10 milioni di euro alla Lombardia; Calciatori dell’Atalanta a Bergamo fanno altrettanto; Chiara Ferragni, e Fedez, dichiaravano giorni addietro, di aver superato i 3 milioni di euro con la raccolta fondi. Un appello, dicevano, per raccogliere denaro destinato alla creazione di nuovi posti di terapia intensiva per l’Ospedale San Raffaele di Milano per combattere il Coronavirus. Secondo i dati ufficializzati, un vero e proprio successo per la coppia social, che attraverso Instagram e non solo, inoltre, cercano di sensibilizzare gli italiani sull’importanza di stare a casa per non aumentare il rischio di contagio dal virus. E per fortuna della Lombardia, anche i due, hanno avviato ed iniziato il percorso, mettendoci la cifra iniziale di 100 mila euro. Sotto inteso che plaudo e affermo che fanno bene!! Ma da uomo del sud mi chiedo: davvero anche noi facciamo parte dell’Italia? Vorrei tanto essere smentito da fatti concreti e anelati. Per questo invoco ‘la stampa sensibile’ affinché si possa raggiungere l’obiettivo di che trattasi, e faccio appello al presidente movimentista Jole Santelli, la quale, sicuramente, per la sua storia professionale ed umana, conosce il mondo politico dell’intero Nord, e saprà come toccare i cuori di chi dispone di umanità e risorse, così da offrire alla Calabria, in questo momento drammatico e per noi fragile, una speranza in più. Altrimenti dopo aver noi cantato dai balconi, l’Inno d’Italia e la tarantella, nulla per la Calabria sarà la solita storia degli ultimi e nulla cambierà”.