Le reazioni in citta’ al messaggio di mons. Schillaci

Lamezia Terme – Proprio l’anno scorso, in questo periodo, la comunità cattolica lametina era in fermento per l’arrivo del nuovo Vescovo eletto, Mons. Giuseppe Schillaci, consacrato ed insediatosi il 6 luglio seguente.
Nessuno avrebbe mai potuto immaginare ciò che ormai è di pubblico dominio: il delicato intervento subito al cuore dal nostro Pastore, il 1° giugno scorso al Policlinico «Gemelli» di Roma.
Il periodo di riabilitazione al quale dovrà sottoporsi il Presule lametino, potrebbe impedire allo stesso di celebrare adeguatamente la ricorrenza del primo anniversario della sua consacrazione, in occasione del quale è stata fissata — assieme ad un rito di ringraziamento — anche la Messa Crismale per la benedizione degli olii sacri. Si resta, dunque, in attesa di conoscere meglio ciò che accadrà nelle prossime settimane.
Frattanto, numerosissime e commosse le reazioni da parte della comunità dei fedeli al toccante messaggio diffuso ieri da Padre Giuseppe, nel quale ha fatto un importante appello all’unità del clero lametino e dei fedeli, condizione indispensabile per raggiungere l’armonia e rendere proficua l’azione pastorale di governo. Si ricorda che Mons. Schillaci si è preso un anno di tempo prima di assumere qualsiasi decisione in merito a possibili ed eventuali nomine e/o nuovi incarichi in seno alla Curia.
Il periodo di riabilitazione e di riposo che attende Padre Giuseppe, potrebbe pertanto rinviare ulteriormente tale tempo di attesa, già dilatato dal periodo di isolamento dovuto al Covid-19.
L’invito alla preghiera, che il Vescovo ha rivolto ai fedeli per tramite dei presbiteri, rimane pertanto un punto di partenza essenziale per una serena ed efficace ripresa dopo quanto accaduto.

Massimo Iannicelli