Incendio in abitazione a Lamezia: la Polizia di Stato interviene per salvare sette persone

Lamezia Terme – Nella giornata dello scorso 19marzopersonale del Commissariato P.S. di Lamezia Terme è intervenuto in via Mantegna di Lamezia Terme, ove era stata segnalata un’abitazione in fiamme. Sul posto giungeva immediatamente un equipaggio di due poliziotti della Squadra Volante del Commissariato Lametino, accorgendosi che dal terzo piano dello stabile usciva fumo denso di colore nero,e che suun balcone c’erano tre persone che chiedevano aiuto urlando che il loro appartamento era avvolto dalle fiamme. Alla finestra di un altro appartamento dello stesso pianoaltrepersone che chiedevano aiuto con in braccio due bambini.
L’equipaggio della Squadra Volante provvedeva immediatamente a far allontanare i presenti e a mettere in sicurezza lo stabile chiudendo gli interruttori generali del gas e dell’energia elettrica; poi, nell’attesa dell’arrivo dei Vigili del Fuoco, saliva le scale del palazzo in parte sature di denso fumo nero.
Giunti sul pianerottolo del terzo piano, i poliziotti notavano le fiamme uscire da un portoncino di uno degli appartamenti. Ridiscendevano le scale e con alcuni secchi per l’immondizia – che un condomino aveva nel frattempo riempito d’acqua – unitamente ad un secondo equipaggio della Volantenel mentre intervenuto, risalivano le scale ecospargevano d’acqua i portoncini degli appartamenti per evitare che fossero totalmente avvolti dalle fiamme.
Dall’appartamento posto sul lato sinistro giungevano urla di aiuto e così, gli Agenti colpendo con calci e pugni la porta d’ingresso, riuscivano a penetrare all’interno dell’appartamento nel quale si trovava il proprietario che, nel timore di venire investito dalle fiamme, inizialmente si era rifiutato di uscire. All’interno, già invaso dal fumo, vi era una famiglia: i poliziotti prendevano in braccio i due bambini e convincevano i genitori a seguirli, riuscendo a porli in salvo all’esterno.
Nel frattempo giungevano i VV.F. i cui operatori, muniti di bombola d’ossigeno e lancia ad acqua, dopo aver sfondato la porta d’ingresso dell’appartamento sul lato destro, si facevano strada all’interno tra le fiamme ed il fumo denso, seguiti dai poliziotti. Gli operatori qui riuscivano a mettere in salvo un uomo ed il giovane figlio. Ancora una volta i poliziotti chiedevanose fosse rimasto qualcuno all’interno dell’abitazione. Appresa l’assenza della figlia, rientravano nel secondo appartamento e trovavano, accovacciata in un angolo, la ragazza in preda al panico, che veniva portata in salvo all’esterno.
Tutte le persone soccorse venivano visitate sul posto dai medici del 118, che nel mentre era intervenuto, senza che ci fosse bisogno di alcun ricovero in ospedale.
La elevata professionalità degli operatori della Polizia di Stato intervenuti, incuranti del rischio,ma supportati dalla preparazione acquisita nel campo del soccorso pubblico, ha permesso di porre in salvo sette vite umane, tra i quali due bambini.
Nella circostanza gli operatori, intervenuti a salvaguardia della vita delle persone in pericolo, non hanno riportato conseguenze fisiche, sebbene i volti anneriti dal fumo e le tracce delle fiamme sulle divise certificassero il rischio corso per portare a compimento una delle loro quotidiane missioni.