Sud: Berlusconi, divario con regioni Nord aumenta

Roma – Il dramma del Sud Italia “non trova spazio nell’agenda dei governi di sinistra, che non ne parlano piu’, come se i problemi del Mezzogiorno si fossero improvvisamente risolti”. Lo afferma il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, in un messaggio inviato agli organizzatori dell’evento ‘Liberta’. Merito. Diritti. Verso gli Stati generali del centrodestra in Campania’. I problemi, osserva, “si sono aggravati, nonostante l’impegno delle forze economiche, che ottengono buoni risultati pure in condizioni strutturali cosi’ difficili. Lo raccontano con grande chiarezza i numeri elaborati in una ricerca recentissima della Cgia di Mestre: negli ultimi anni il divario fra sud e nord e’ ulteriormente peggiorato, a partire dall’occupazione. C’e’ di piu’, i governi di sinistra non soltanto non si sono occupati del Sud, ma stanno facendo pagare proprio al Mezzogiorno il prezzo di politiche sbagliate. Le regioni del Sud, cioe’ le piu’ fragili del nostro Paese da un punto di vista economico e sociale, sono condannate dalla geografia ad essere le prime a subire le conseguenze di un fenomeno come gli sbarchi dei migranti, che e’ per larga parte anche conseguenza degli errori, delle negligenze, dell’approssimazione dei governi del Partito Democratico negli ultimi anni”.