Elezioni: Corbelli, la mia indennita’ parlamentare ai poveri

Cosenza  -Franco Corbelli, leader del Movimento Diritti Civili e candidato alla Camera, per Liberi e Uguali, nel collegio di Cosenza, annuncia che, se eletto al Parlamento, coerentemente con la sua lunghissima, ultratrentennale storia di impegno civile e umanitario, destinera’ tutta la sua indennita’ parlamentare ai poveri. Oggi Corbelli annuncia nello specifico i primi interventi che fara’ con la sua indennita’. “La mia indennita’ parlamentare – dice – continuera’ ad essere destinata tutta ai poveri. Cosi’ come e’ stato sino ad oggi quando ho ricoperto incarichi istituzionali. Cosi’ come per oltre 30 anni ho sempre e soltanto autofinanziato tutte le mie mille battaglie civili e innumerevoli iniziative umanitarie, regionali, nazionali e internazionali, con il mio modesto stipendio di docente, che e’ l’unica mia fonte di reddito, afferma Corbelli. Iniziamo oggi con il dire come sara’ utilizzata la mia indennita’. Una parte di essa servira’ per continuare a regalare ogni lunedi’ il latte ai bambini poveri di Cosenza e dei paesi vicini, come ho fatto lo scorso anno, a partire dal mese di maggio, insieme a Padre Fedele e ai suoi due preziosi collaboratori, Teresa Boero e Giovanni Valentino. Un’altra quota della indennita’ servira’ per pagare la nuova sede che, insieme all’amico Gianfranco Cristiano, da sempre impegnato sul tema della disabilita’, troveremo per i meravigliosi ragazzi disabili della nostra citta’ e dell’hinterland. Un’altra parte dell’indennita’ sara’ utilizzata per le spese di mantenimento (che ho gia’ personalmente sostenuto per un anno) per i due container dei senzatetto che dall’ottobre del 2016 ho fatto arrivare a Cosenza, grazie all’aiuto del dirigente della Protezione Civile, Carlo Tansi, e dell’avvocato Gaetano Pignanelli, e la cui gestione ho affidato a Padre Fedele, Teresa e Giovanni e che ha evitato di certo qualche tragedia. A Cosenza, grazie a Dio, nessun clochard e’ infatti morto in strada per il freddo a differenza di tante altre citta’ dove purtroppo molti senzatetto hanno perso la vita per il gelo. Sono contento e orgoglioso – conclude Corbelli – di utilizzare in questo modo, cosi’ bello e nobile, la mia indennita’ e, anche una parte del mio stipendio di docente”.