Elezioni, Tassone (Cdu-Nci), confronto povero di contenuti

Catanzaro – “Finora la campagna elettorale e’ stata caratterizzata da un confronto povero di contenuti”. Lo ha detto Mario Tassone, segretario nazionale del Nuovo Cdu, componente dell’aggregazione “Noi con l’Italia” alleata con il centrodestra, intervenendo a un’iniziativa elettorale a Catanzaro. “I contendenti – ha proseguito – non hanno offerto spunti avvolgenti. Il linguaggio usato e’ stato violento. Quando non si hanno le coordinate giuste per sviluppare progetti, gli insulti prevalgono. C’e’ incertezza sul futuro. Gli stessi “autori” di una legge elettorale, un ibrido di irrazionalita’ e superficialita’, sono convinti che dalle urne non verranno risultati per chiare maggioranze. E cosi’ il dibattito elettorale si concentra sulle ipotesi piu’ disparate per la formazione del nuovo governo. Ci sono, pero’, segnali positivi. Infatti – ha sostenuto Tassone – per la prima volta dopo 25 anni di dispersione della politica in nome del dogma della Seconda Repubblica, mai venuta, che avrebbe dovuto assicurare stabilita’, certezze, moralita’, semplificazioni procedurali, prosciugamento delle troppo sigle politiche, la gente si sta ponendo molti interrogativi”.

Secondo Tassone, che e’ candidato con “Noi con l’Italia” nel collegio plurinominale Nord della Camera in Calabria, “preoccupa che gli estremismi si vanno organizzando. Molti cominciano a scendere in piazza. L’incapacita’ di rimanere in superficie senza approfondire le situazioni alla lunga provoca reazioni incontrollabili. E i capi che hanno agito con moltitudini di serventi acritici si accorgeranno del danno provocato nell’aver compresso pensieri e intelligenze impoverendo le istituzioni di competenze e, quindi, di affidabilita’. Il fatto nuovo e’ lo schieramento “Noi con l’Italia-Scudocrociato” con il suo progetto di restituire vitalita’ alle istituzioni e ai ceti medi. Questo per interrompere la corsa di un convoglio impazzito affollato da pochi ricchi, da schiere di potenti autoreferenziali, che non rispetta i segnali e le regole di sicurezza. Bisogna fermarlo per riportarlo nella giusta andatura per evitare incidenti irreparabili. Questo e’ anche il nostro compito. Con noi – ha concluso il segretario nazionale del Nuovo Cdu – il centrodestra potra’ ritrovare le ragioni della sua presenza, senza di noi andra’ avanti risucchiato nel turbine delle approssimazioni senza futuro”.