Cipe: 740 mln per 59 interventi su beni culturali

Roma – Il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (Cipe) ha approvato un piano di investimenti del valore di 740 milioni di euro per rafforzare l’offerta culturale e potenziare i sistemi urbani e di promozione turistica. 59 interventi che rispondono a un approccio sinergico che vede nell’integrazione tra le politiche culturali e turistiche la componente essenziale per la crescita dell’occupazione e dell’economia nazionale e per lo sviluppo dei territori in chiave sostenibile. Interventi che completano la programmazione strategica portata avanti dal Mibact negli ultimi 4 anni attraverso diversi piani e programmi finanziati da fondi nazionali e comunitari. Un impegno rilevante che porta a 4,2 miliardi di euro (4.249.943.675 euro) il valore degli oltre 1.500 cantieri della cultura in corso sull’intero territorio nazionale.
“Il piano del Mibact approvato oggi dal Cipe – dichiara il Ministro dei beni e delle attivita’ culturali e del turismo, Dario Franceschini – sosterra’ nuovi interventi di quel ‘cantiere cultura Italia’ avviato quattro anni fa per recuperare un colpevole ritardo nell’adempimento dell’articolo 9 della Costituzione che investe la Repubblica del compito di salvaguardare il patrimonio culturale e paesaggistico della nazione. Da un fondo di poco meno di 40 milioni di euro per il recupero dei beni artistici, archeologici e monumentali si e’ passati a oltre 4 miliardi di euro. Un segnale forte di quanto si sia investito in cultura e turismo in questi 4 anni”.

Franceschini, al termine del Cipe, spiega: “E’ stata una riunione molto importante per la cultura e per il turismo: abbiamo approvato un piano di 740 milioni con interventi sul patrimonio culturale di tutto il Paese. Ci sara’ un intervento importante nei 4 centri storici di quattro grandi citta’ del sud: Taranto, Palermo, Napoli, Cosenza, che hanno bisogno di riqualificazione nel cuore delle citta’. E poi ci saranno interventi sui beni culturali in tutta Italia, e un intervento nuovo a favore del turismo per la promozione, attraverso il cinema e lo spettacolo dell’immagine dell’Italia nel mondo”. L’investimento deliberato oggi “porta le risorse destinate ai beni culturali dai 37 milioni che ho trovato in un piccolo capitolo di bilancio all’inizio dell’esperienza di governo 4 anni fa- spiega Franceschini- agli oltre 4 miliardi e 200 milioni di euro di interventi gia’ stanziati, con oltre 1500 cantieri gia’ partiti in tutta Italia. E’ una grande svolta che ha messo la cultura e il turismo al centro delle scelte strategiche del paese”.