Sgarbi si dimette da sindaco di Sutri, “mi candido a Sirmione”

Roma – “Le dimissioni di Vittorio Sgarbi da Sindaco di Sutri sono irrevocabili, per la piena consapevolezza della impossibilita’ di potere governare democraticamente in un paese dominato da infiltrazioni fasciste con arroganza e in mancanza di visione, subordinata a interessi particolari. Per questo Vittorio Sgarbi ha gia’ scelto di candidarsi sindaco di Sirmione, citta’ che ha bellezze non inferiori a Sutri, ma una reale propensione allo sviluppo culturale e turistico”. Lo si legge in una nota dello stesso Sgarbi, che “ha gia’ preso contatto con gli esponenti politici della citta’,fra i quali l’ex sindaco ,ora consigliere regionale, Alessandro Martinzoli, e l’assessore alla cultura della Regione Lombardia, Stefano Bruno Galli, che gli hanno manifestato solidarieta’ per l’aggressione di Sutri e disponibilita’ per il nuovo progetto”.