Sanità: Guccione, rete vaccinale insufficiente nel Cosentino

Catanzaro  -​ Inidoneità dei locali, grave carenza di personale sanitario, un’anagrafe vaccinale non attiva nella maggior parte degli erogatori periferici. Queste sono solo alcune delle criticità della rete vaccinale della provincia di Cosenza, messe in evidenza dal consigliere regionale Carlo Guccione che ha inviato un’interrogazione a risposta scritta al presidente della Giunta regionale Mario Oliverio.
“L’attuale rete vaccinale della provincia di Cosenza – spiega – necessita di una radicale ed efficiente riorganizzazione visto le numerose criticità funzionali, frutto di anni di inerzia e di superficialità. Situazione aggravata – sottolinea Guccione – da dieci anni di Piano di rientro e di commissariamento. Nonostante i contenuti della deliberazione numero 1811/2011 e del DCA 147/2017, che stabiliscono i requisiti di accreditamento, gli standard qualitativi per i servizi di vaccinazione e il Piano di riorganizzazione e accorpamento degli ambulatori vaccinali aziendali, quasi nulla è stato realizzato”.

Secondo Guccione “è fondamentale offrire ai cittadini una rete vaccinale fruibile e sicura, soprattutto per i bambini e le persone anziane visto che le vaccinazioni rappresentano oggi l’intervento più efficace per la prevenzione delle malattie infettive. Ed è importante diffondere l’importanza dei programmi vaccinali e disporre di presidi medico-sanitari idonei per effettuare le somministrazioni di vaccini nelle migliori condizioni possibili. Da qui la necessità di avere una rete vaccinale regionale efficiente e funzionale anche in vista della somministrazione dei vaccini per la campagna antinfluenzale. La dotazione organica – continua – è carente al punto che molto spesso i pochi medici vaccinatori sono costretti a spostarsi da una sede vaccinale a un’altra riuscendo però a garantire pochi accessi e senza la necessaria sicurezza nello svolgimento delle attività. Inoltre, alcuni medici vaccinatori sono ormai prossimi al pensionamento. I requisiti igienico-sanitari sono assolutamente carenti, ad esempio, nella sede di Trebisacce che ha bisogno urgente di un’altra sede a Mirto e Cariati. L’anagrafe vaccinale solo da poco tempo è attivata e si rivela una carenza di supporti informatici in tutte le sedi. Il blocco del turn over ha colpito infatti anche la rete vaccinale in provincia di Cosenza – spiega Guccione – perché negli ultimi due anni sono andati in pensione 11 medici, 10 infermieri, 4 amministrativi mentre un medico è stato trasferito a Roma e altri 4 medici sono in procinto di andare in pensione da qui a sei mesi”. Nonostante il DCA 147/2017 – è scritto nell’interrogazione – abbia rivisitato la rete vaccinale regionale attraverso un nuovo calendario vaccinale regionale assolutamente innovativo al punto da essere ripreso da quello nazionale, si riscontra però che nessuno ha realizzato o fatto realizzare la rete vaccinale secondo i contenuti del DCA. Da un’analisi attenta emerge che tutto è rimasto quo ante la deliberazione numero 1811/2011 del Commissario straordinario pro tempore dell’Asp di Cosenza”.