Villa: molo sottoflutto, concluso collaudo tecnico

Villa San Giovanni – Con il collaudo tecnico-amministrativo, depositato il 31 gennaio, si è messa la parola fine ad un lungo iter necessario per consegnare alla città il molo di sottoflutto. La burocrazia non ha fermato la voglia dell’amministrazione, guidata dal sindaco Giovanni Siclari, di consegnare alla città una delle opere più attese in assoluto: il molo di sottoflutto. Con enorme soddisfazione il primo cittadino e il consigliere delegato Giovanni Imbesi comunicano la conclusione, in tempi record, del collaudo tecnico amministrativo. Ed è proprio Imbesi a evidenziare come la straordinarietà stia proprio nei tempi poiché è noto che pratiche del genere richiedono molto tempo e, come spesso accade in Italia, si rischia di rimanere impantanati tra le carte. Ma la determinazione, gli innumerevoli solleciti e il costante lavoro celato dietro quest’impresa hanno portato ad un risultato agognato da tempo.
«Abbiamo seguito i lavori passo dopo passo senza mai abbassare l’attenzione su quest’opera – ha dichiarato il consigliere Imbesi – e oggi siamo felici di poter annunciare che anche l’ultimo step è stato portato a compimento. Questo ci consente di poter predisporre tutti gli atti conseguenziali che ci permetteranno di assegnare l’area del molo di sottoflutto poiché diventerà, a tutti gli effetti, un porticciolo turistico. Un grazie va tutta l’equipe di tecnici tra cui il collaudatore l’ingegnere Taverriti, il Rup Giancarlo Trunfio e il direttore dei lavori Franco Morabito che, in sinergia e su input dell’amministrazione, ha portato a questo risultato. Andando, dunque, contro i peggiori pronostici avanzati da più parti, si chiude anche il capitolo del collaudo e ci possiamo preparare a inaugurare un’opera completa alla città».
Tempi brevi, dunque, per il taglio del nastro rimandato solo a causa delle condizioni climatiche avverse con la speranza di poter provvedere già quest’anno all’assegnazione del molo.
«Con il collaudo tecnico amministrativo, finalmente, si può considerare definitivamente completato il molo di sottoflutto – ha dichiarato il primo cittadino Giovanni Siclari – Dipanato qualsiasi dubbio circa il collaudo, abbiamo dato risposte concrete con i fatti. Devo ringraziare il delegato alle grandi opere Imbesi perché è anche grazie al suo impegno se abbiamo ottenuto questo risultato. Siamo già stati alla capitaneria di porto per portare avanti tutto l’iter per rendere fruibile il molo e a breve avremo grandi novità. Un’opera storica che da oltre 50 anni la nostra città attendeva, una risorsa che ormai sembrava destinata ad essere abbandonata a se stessa, l’ennesima incompiuta. Doveva essere completata e consegnata nel lontano 2007 e, invece, è stata lasciata li, arenata su se stessa. Un immenso patrimonio della città lasciata in mano ai vandali ma noi non ci siamo arresi e con caparbietà e tenacia, come la fenice, l’abbiamo fatta risorgere dalle ceneri. Adesso si passa alla seconda fase con tante novità».
L’amministrazione Siclari si è fatta, fin da subito, promotrice della mediazione grazie anche all’impegno anche del già assessore al bilancio Domenico D’agostino e di tutta la squadra che ha voluto considerare il completamento del molo sottoflutto una priorità, per arrivare a un traguardo che la città attendeva da tempo. È stata una delle priorità dell’azione amministrativa, un sogno che si realizza e un impegno preso in campagna elettorale che l’intera squadra sapeva già di dover affrontare con massima priorità e rispettato al quale non si è voluta tirare indietro il vicesindaco Mariagrazia Richichi che ha firmato la mediazione elaborata dai professionisti incaricati. Sicuramente è la prima grande risposta data dalla squadra Siclari che promette: «Ci saranno tante altre di queste promesse mantenute, questo è solo l’inizio».