Villa, demolizione e ricostruzione dell’istituto Nostro/Repaci

Villa San Giovanni – Il sindaco Giovanni Siclari ha firmato la convenzione con la Regione Calabria che certifica il passaggio delle competenze della demolizione e ricostruzione dell’Istituto Nostro/Repaci, al Comune di Villa San Giovanni. Dalla progettazione esecutiva fino alla consegna dei lavori sarà il Comune a gestire le varie fasi con tempistiche già specificate nella convenzione. L’intera squadra esulta al risultato soddisfatti del lavoro svolto fino a qui. Un problema drammatico che sembrava insormontabile sarà la nostracittà un’opportunità che regalerà un istituto moderno e all’avanguardia.
La convenzione, infatti, riguarda la realizzazione del Progetto di “demolizione e ricostruzione Nostro-Repaci-”; il costo previsto dell’intervento è pari ad euro 4.600.000,00, di cui euro 0,00 a carico dell’Ente Attuatore.
«Dopo aver recuperato fondi che sembravano persi e aver lavorato senza sosta per garantire la ricostruzione – ha dichiarato il primo cittadino Siclari – con oggi inizia una nuova fase che vede il Comune di Villa ente attuatore, responsabile di tutto il procedimento dalla progettazione esecutiva in poi. Sono stati definiti tempi e costi e questo ci da una concreta responsabilità. Essendo ente attuatore è tutto in mano nostra e fin da subito lavoreremo in sinergia con i dirigenti scolastici per dare vita a una struttura sicura e moderna. Vogliamo che Villa e tutti gli alunni possano avere un istituto adeguato. I tempi sono stretti e già la settimana prossima andrò alla Regione Calabria per definire i termini. Quello che da anni è stato un problema e ha rappresentato diversi disagi per la nostra città finalmente, grazie alla tenacia e l’impegno profuso fino a oggi, si è trasformato in un’opportunità di sviluppo. Questi sono i veri risultati, i traguardi che vogliamo raggiungere».
Secondo quanto stabilito nella convenzione, l’approvazione del progetto esecutivo dovrà avvenire entro il 31 ottobre 2019, l’affidamento lavori entro il 30 aprile 2020, l’inizio lavori entro il 31 maggio 2020 e l’ultimazione lavori entro il 31 maggio 2021. Date e cifre certe che trasformano la speranza di avere finalmente risolto il problema della sicurezza scolastica in realtà.