Villa San Giovanni, la Richichi presenta il progetto “navetta amica”

Villa San Giovanni(Reggio Calabria) – Nessuno viene dimenticato o lasciato solo a Villa San Giovanni dove il settore delle politiche sociali portato avanti dal vicesindaco e assessore delegato Mariagrazia Richichi ha presentato un progetto volto proprio ad attenzionare le necessità delle fasce più fragili nel periodo estivo. Infatti, durante la conferenza stampa tenutasi questa mattina, la Richichi affiancata da Paola Calabrò dell’equipe dell’assessorato servizi sociali “Pon inclusione” e Maria Grazia Papasidero caposettore Affari generali del Comune, hanno illustrato il progetto sperimentale “Navetta Amica”, uno strumento che per la prima volta quest’anno viene testato a Villa in modo del tutto volontario grazie alla disponibilità degli autisti comunali che, con grande spirito di collaborazione e umanità hanno rinunciato volontariamente alle ferie per garantire questo servizio. Non solo, durante il suo intervento il vicesindaco ha avuto modo di illustrare altri due strumenti che il suo assessorato ha messo in atto per venire in contro a ogni esigenza: le sedie Job e “Viviestate 2019 Ambito 14”.
«Sono felice di poter dare questa buona notizia – ha dichiarato la Richichi fin dalle prime battute – il progetto “Navetta Amica” consentirà di dare un servizio di accompagnamento a tutte quelle persone che, soprattutto d’estate, restano da sole e non riescono a compiere azioni quotidiane necessarie. Basti pensare al fare la spesa, recarsi in farmacia o al cimitero, sono azioni che spesso diamo per scontate ma che per molti diventano un impresa per le difficoltà negli spostamenti. Ecco perché, in via sperimentale, abbiamo lavorato in sinergia tra gli uffici delle politiche sociali e del Comune per accelerare i tempi e far partire da subito il progetto. Ad affiancare la “Navetta Amica” ci saranno i progetti che è possibile presentare entro il 29 luglio, per il progetto “Viviestate 2019” anche qui ad essere attenzionate sono le richieste delle fasce più deboli e bisognose e saranno messi a disposizione 7mila euro per i progetti più validi. È incessante l’operato dei servizi sociali e mi preme ringraziare gli autisti perché solo grazie al loro sacrificio volontario sarà possibile garantire fin da subito questo servizio che, in questo modo, non graverà sulle casse dell’Ente. Sempre mirando al più ampio obiettivo di rendere Villa una città accessibile a tutti, per il terzo anno di fila, grazie alla fornitura gratuita della cooperativa Domicare, abbiamo potuto fornire le sedie Job ai lidi villesi così da permettere a tutti l’accesso alla spiaggia. Sono piccoli passi in avanti e sappiamo che tanto ancora c’è da fare ma sono certa che avendo a cuore il bene comune e lavorando con questa sinergia e questo spirito di squadra, senza personalismi o interessi personali, riusciremo a dare risposte in modo continuativo e per questo intenso lavoro un grazie va a Tonino Giordano per il costante impegno. È fondamentale fare rete con le associazioni del territorio e con la consulta con la quale è stato in parte condiviso questo progetto».
Ad entrare nel dettaglio del progetto Navetta Amica spiegando le modalità di accesso è stata Paola Calabrò che ha da subito tenuto a precisare come la procedura sia stata volontariamente snellita per consentire l’avvio immediato del servizio.
«Sarà possibile accreditarsi con un’autocertificazione – ha specificato la Calabrò – e avranno diritto tutti coloro che hanno i requisiti entro un reddito di 15mila euro. Sarà possibile prenotare la Navetta tre giorni prima dello spostamento per programmare l’appuntamento semplicemente con una chiamata e il servizio sarà attivo dalle 9 alle 12».
Il ringraziamento della Papasidero agli autisti e al vicesindaco Richichi ha concluso gli interventi ribadendo che «la sinergia e la volontà di collaborare ha reso possibile tutto questo e io sono felice di aver contribuito affinchè si potesse garantire questo servizio alla città ma tutto questo è merito soprattutto degli autisti che, dopo un anno di lavoro continuativo, comprendendo la validità del progetto, hanno dato piena disponibilità rinunciando alle ferie».
Non è mancato il plauso del primo cittadino Giovanni Siclari che ha espresso «grande soddisfazione per la realizzazione di un progetto che guarda ai più bisognosi. Ogni passo avanti fatto verso chi vive in condizioni di necessità è un traguardo di civiltà e umanità che contraddistingue l’operato di quest’amministrazione e dei cittadini villesi e che ci pone all’avanguardia considerando l’idea sperimentale e innovativa».