Palmi: madre e figlia raggirano la nonna e svuotano il conto corrente

Reggio Calabria – A Palmi, i Carabinieri hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo emesso dal Tribunale di Palmi su richiesta della locale Procura nei confronti di S.R. cl ’67 e della figlia L.A. cl ’98, ritenute responsabili in concorso del reato di indebito utilizzo di carte di credito e di pagamento nei riguardi di una loro congiunta, nello specifico rispettivamente madre e nonna delle stesse.
In particolare, il provvedimento giunge ad esito di articolata attività d’indagine avviata dai carabinieri della locale Stazione e coordinata dal Sostituto Procuratore Salvatore Rossello della Procura della Repubblica di Palmi che, ha permesso di appurare come trail marzo 2018 e settembre 2019, le medesimeavessero effettuato numerosi prelievi dal conto corrente della vittima, senza il suo consenso, appropriandosicomplessivamente di 63.140 euro.
Nella fattispecie, i fatti risalgono al 2017,allorchè la donna, in ragione delle proprie precarie condizioni di salute, colpita anche dal lutto del marito, su consiglio proprio della figlia, aveva indirizzato una delegaalla nipote, finalizzata ad eseguire ad ogni sua espressa volontà, operazioni di pagamento o prelievodal proprio conto corrente attivo presso la filiale di Palmi del Monte dei Paschi di Siena.
È stato solo successivamente, nel febbraio 2020, che la donna,accompagnata presso la filiale da un conoscente,aveva constatato un enorme ammanco di fondi, a seguito di prelievi effettuati dalla stessa nipote,mai autorizzati, decindendo di denunciare i fatti ai Carabinieri.
Il provvedimento, eseguito nella giornata di ieri, ha determinato il sequestro preventivo di beni immobili del valore equivalente alla somma di denaro di cui le due donnesi erano illecitamente appropriate.