Melicucco: atti persecutori e maltrattamenti alla ex moglie: applicato il divieto di avvicinamento

Reggio Calabria – Carabinieri della Stazione di Melicucco hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale del divieto di avvicinamento, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Palmi, su richiesta della locale Procura della Repubblica guidata dal Procuratore Capo Emanuele Crescenti, a carico di un 42enne di Melicucco. All’uomo è stato imposto il divieto di avvicinamentoa meno di 300 metri dalla ex moglie, il divieto di comunicare con qualsiasi mezzo con la persona offesa ed il divieto di avvicinarsi all’abitazione o luoghi abitualmente frequentati dalla stessa.
Il provvedimento ha avuto origine al termine di una delicata indagine condotta dai Carabinieri di Melicucco immediatamente avviata a seguito della denuncia presentata dalla donna. In particolare, i Carabinieri hanno riscontratocondotte gravemente lesive della dignità della donna consistenti in atti di violenza fisica e verbale mediante continue denigrazioni incentrate sulla forma fisica della persona offesa: un comportamento che aveva provocato ansia e preoccupazione in più persone, tanto che la donna aveva dovuto mutare le sue abitudini di vita per evitare potenziali pericoli. I numerosi episodi di violenza subiti e denunciati dalla donna venivano vagliati e riscontrati nella conseguente attività investigativa che ha consentito di mettere in luce le condotte dell’indagato che negli anni aveva instaurato, in seno alla compagine familiare, in un clima di soggezione psicologica.

Il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e per gli indagati vale il principio di non colpevolezza sino alla sentenza definitiva.