Scuola: Graziano (cdl), riforma sara’ un calvario per la Calabria

rp_giuseppe-graziano-19-300x204.jpg
Reggio Calabria – “Altro che gongolare per la ‘Buona scuola’. Quanto sta accadendo, ai danni del Mezzogiorno italiano, farebbe sorridere Maria Antonietta d’Asburgo! C’e’ una logica sprezzante, nell’affrontare le questioni da parte del Governo Renzi, che, come al solito, penalizza questa parte del Paese. Le nuove assunzione nella scuola, infatti, saranno un calvario per i docenti precari calabresi”. Lo afferma il consigliere regionale della Cdl Giuseppe Graziano. “La nuova scuola di Renzi – dice – e’ il caos tutt’altro che calmo che vede migliaia di calabresi, giovani laureati dalle belle speranze pronti a sbarcare nel Nord Italia per perseguire le loro aspirazioni lavorative: diventare insegnanti. E’ questo l’effetto dell’ennesimo provvedimento in Senato di Renzi. Pensavamo che con la riforma della ‘Buona scuola’ si potesse dare, dopo anni di immobilismo e precarieta’, una svolta alla complessa struttura dell’istruzione pubblica. Invece, la messa in ruolo di 103mila docenti, rischia di generare una confusione totale. Il Governo, ancora una volta, ha scelto la via piu’ contorta per raggiungere l’obiettivo, mortificando anni di sacrifici degli italiani”.

Per Graziano “Renzi non ne combina una giusta. Ci sono precari calabresi da venti anni che dopo aver conseguito la laurea, frequentato e sostenuto l’esame di abilitazione della scuola di specializzazione e del tirocinio formativo attivo, aver partecipato a master qualificati e costosi ed essersi abilitati, ora magari dalla Calabria si troveranno a Milano o Belluno. Proprio come se nelle scuole della nostra regione non ci fosse bisogno di nuovi docenti. Ma e’ mai possibile che, di riffa o di raffa, si pensi solo ed esclusivamente a fare gli interessi dei territori del Nord? Torna prepotente una questione meridionale che ci dovrebbe vedere tutti uniti e fortemente mobilitati. La vicenda delle nuove 103mila assunzioni nelle scuola e’ stata volutamente resa contorta. Tanto che lo stesso Miur, per rendere comprensibile un processo che si sarebbe potuto chiudere con una prassi piu’ semplice e veloce, come quella di dare priorita’ alla messa in ruolo scorrendo le graduatorie e rapportandole alle regioni di residenza, ha dovuto perfino emettere un foglio d’istruzione. Un’assurdita’ – incalza Graziano – che scontenta tutti. I supplenti meridionali con piu’ punteggio, in realta’, dovranno accettare le cattedre piu’ lontane da casa, oppure aspettare qualche altro anno per coronare il sogno della cattedra fissa, mentre i colleghi posizionati in fondo alle graduatorie – quelli che potrebbero anche non avere mai insegnato – troveranno posto vicino casa e da subito. Una situazione intollerabile, con l’aggravante che, cosi’ come successo per gli asili nido e per le Universita’, le scuole del Sud si sono viste riconoscere dal Ministero dell’istruzione un numero forza lavoro necessaria di gran lunga sottodimensionato rispetto alle reali esigenze”.