Scuola: Roccisano, un piano per aiutare i giovani in difficolta’

rp_Federica-Roccisano-28-300x241.jpg
Catanzaro – La Giunta regionale nella seduta di ieri, su proposta dell’Assessore alla Scuola Federica Roccisano ha approvato il Piano annuale degli interventi per il diritto allo studio, coperto con i fondi regionali. “Si tratta – ha commentato l’assessore – di un intervento previsto dalla legge regionale n.27/85 sulla rimozione degli ostacoli di ordine economico e socio-culturale che limitano l’assolvimento dell’obbligo scolastico. Nella programmazione del Piano 2015, le azioni si concentreranno su quei giovani che, a causa di svantaggi educativi determinati da situazioni di disabilita’ o circostanze sociali, culturali ed economiche, hanno bisogno di un particolare sostegno per realizzare le loro potenzialita’ educative. L’idea alla base di questo Piano e’ quella di porre le fondamenta per l’avvio di un processo virtuoso, volto a migliorare lo svolgimento del percorso formativo dei giovani calabresi, nella consapevolezza che l’ambiente educativo in cui il ragazzo cresce, determinera’ anche l’adulto di domani. In particolare s’ intende intervenire, nell’ambito delle risorse finanziarie disponibili, con azioni a favore dell’inclusione dei soggetti piu’ svantaggiati ed a rischio esclusione sociale. ossia diversamente abili, giovani che crescono in contesti difficili, ragazzi a rischio di dispersione scolastica. Gli interventi del Piano 2015 sono diretti all’ acquisto di sussidi didattici per l’integrazione di alunni con disabilita’ grave e con disturbi dell’apprendimento, con l’obiettivo di promuovere il pieno sviluppo cognitivo, affettivo, relazionale e scolastico degli alunni con disabilita’; s’intende promuovere progetti sperimentali di rilevanza regionale ed in rete ed assegnare contributi ai Comuni e, in via preferenziale, alle Unioni Comuni per l’acquisto di mezzi di trasporto utili per favorire l’accessibilita’ alle strutture scolastiche e la partecipazione degli studenti alle attivita’ extra-scolastiche. I Comuni e le istituzioni scolastiche – convclude la Roccisano – potranno presentare domande dal momento in cui il Piano verra’ pubblicato sul Burc e, comunque, fino al prossimo quindici ottobre.