Regione: Nucera (la Sinistra), si approvi subito reddito minimo

rp_Giovanni-Nucera-14-300x188.jpg
Reggio Calabria – “E’ tempo di andare oltre i panegirici e di approvare il Reddito minimo. Non ci si puo’ allarmare, ogni qual volta si indicano i dati sulla poverta’, e subito dopo voltarsi dall’altra parte. Ci si decida una volta per tutte. La battaglia per l’introduzione del Reddito minimo in Calabria, che fin dall’inizio della legislatura regionale stiamo portando avanti ora si rafforza con l’appello della Caritas che allarga il sostegno a questa misura auspicando ‘l’introduzione di un sistema fondato su una misura rivolta a chiunque sia in poverta’ assoluta, come quello previsto dal Reddito d’inclusione sociale (Reis) proposto dall’Alleanza contro la poverta’ in Italia’”. Lo sostiene il capogruppo aqlla Regione de “La Sinistra”, Giovanni Nucera. Per Nucera, “questa misura non e’ piu’ rinviabile, anche perche’ l’Italia e’ l’unico Paese europeo, insieme alla Grecia, a non averla. Da questa considerazione discende la richiesta forte della Caritas italiana assieme alla nostra, affinche’ si realizzi in fretta anche in Italia il reddito minimo. Il numero di persone in poverta’ assoluta e’ piu’ che raddoppiato in 7 anni, passando da 1,8 milioni del 2007 a 4,1 milioni del 2014, dal 3,1% al 6,8% del totale. Il Governo Renzi, secondo la Caritas italiana, benche’ abbia ‘introdotto qualche avanzamento marginale nel sostegno al reddito, non si e’ finora discostato in misura sostanziale dai suoi predecessori e ha confermato la tradizionale disattenzione della politica italiana nei confronti delle fasce piu’ deboli’. Inoltre – spiega Nucera – la promessa riduzione delle tasse non gioverebbe certo agli strati meno abbienti del nostro Paese”.