Regione Calabria: firmata convenzione 650 tirocinanti giustizia

firma-protocollo-giustiziaCatanzaro,  – E’ stata firmata oggi, nella sede della Cittadella, la convenzione tra la Regione ed i vertici dei due Distretti di Corte d’Appello della Calabria per l’avvio di 650 tirocinanti nei diversi uffici giudiziari della regione, cosi’ come previsto dal Ministero della Giustizia. La Convenzione – informa una nota l’Ufficio stampa della Giunta – e’ stata firmata dal Presidente della Regione Mario Oliverio, dall’Assessore regionale al Lavoro Federica Roccisano, dai Presidenti delle Corti d’Appello di Catanzaro, Domenico Introcaso, e di Reggio Calabria, Luciano Egidio Maria Gerardis, dal Procuratore Generale della Repubblica di Catanzaro Raffaele Mazzotta, dal Procuratore generale f.f. di Reggio Fulvio Rizzo ed dal Dirigente generale del Dipartimento regionale “Lavoro” Fortunato Varone. La convenzione prevede, di fatto, l’utilizzazione di quanti hanno partecipato alla manifestazione di interesse per la selezione “di mille lavoratori percettori in deroga o lavoratori disoccupati con pregressa esperienza formativa presso gli uffici giudiziari per un percorso di qualifica in grado di offrire maggiori opportunita’ lavorative”, che risultano presenti nella graduatoria degli ammessi.
“Noi abbiamo messo a disposizione dell’amministrazione della Giustizia – ha detto Oliverio – consistenti risorse perche’ siamo convinti che essa sia di particolare importanza per la crescita di questa terra. Questa terra cresce se si afferma la legalita’ e per affermare la legalita’ e’ necessario che l’Amministrazione della Giustizia sia messa nelle condizioni di operare nel massimo dell’efficienza e della rispondenza alle esigenze del nostro territorio e delle nostre comunita’. Questa e’ un’operazione di grande valenza istituzionale con implicazioni sociali enormi.”
“Questa intesa – ha aggiunto EOliverio – ci consentira’ di raggiungere un doppio obiettivo: l’utilizzazione sia delle risorse finanziarie ed umane, che sono destinate al sistema degli ammortizzatori sociali su progetti utili. Quindi, da una Regione sempre massacrata, anche sul versante culturale, per l’uso negativo delle risorse, parte un messaggio positivo. Oggi partiamo con la Giustizia, presto partiremo con la scuola, dove altri seicento lavoratori saranno utilizzati per il sostegno scolastico, ed un terzo intervento partira’ per la cura dei beni culturali con ulteriori 660 lavoratori”. Per il Procuratore Generale Raffaele Mazzotta si tratta “di un giorno estremamente importante per tutti gli uffici giudiziari calabresi che soffrono di problemi gravi di carenze di organico. E’ una risposta concreta in un territorio tanto gravato da problematiche sociali ma anche, purtroppo, di fortissima presenza di criminalita’ organizzata e di criminalita’ comune. Questa e’ la dimostrazione di una efficienza, sinergia e capacita’ nel poter operare, concretamente, per questa regione e nell’interesse dei suoi cittadini”. Il Presidente della Corte d’Appello di Catanzaro Domenico Introcaso ha sottolineato che “il discorso della legalita’ passa attraverso l’efficienza. Noi abbiamo delle sofferenze di personale nel nostro Distretto enormi. Per noi, percio’, questo e’ un apporto indispensabile, proprio al fine della tutela della legalita’ e delle emergenze che ci sono in questo momento. C’e’ un aspetto particolare. E’ la prima volta che un ente locale offre questa disponibilita’. E’,quindi, una singolare occasione di collaborazione istituzionale”. Il Presidente della Corte d’Appello di Reggio Luciano Egidio Maria Gerardis ha detto che la Calabria ha tanti problemi ma “quello della legalita’ e’ uno dei piu’ importanti e dei piu’ gravi perche’ deturpa l’immagine della Calabria in Italia e nel mondo. Avere avuto voi questa sensibilita’, e’ un fatto importante perche’ realizza quella sinergia interistituzionale che e’ la chiave di volta per risolvere tanti problemi”. Il Procuratore generale ff. Reggio Fulvio Rizzo, riferendosi al numero dei tirocinanti che dovrebbero essere destinati nel Distretto, ha sottolineato quanto sia “utile avere una simile disponibilita’ di personale. L’altra cosa importante, e’ che, con questa convenzione, noi avremo del personale gia’ parzialmente qualificato, cioe’ personale che ritorna negli uffici ed e’ gia’ in grado di assumere quel servizio in maniera ancora piu’ utile degli anni precedenti”. Rizzo nel prendere, infine, atto delle convenzioni che si faranno anche per la scuola e per i beni culturali, ha detto che fare camminare insieme alla giustizia gli accordi con altri due settori importantissimi “e’, in questo momento, una scelta politica e di programmazione positiva molto utile che vale la pena sottolineare”.