Regione: dipendenti centri impiego, soddisfazione sindacati

Catanzaro, 6 giu. – Fp-Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, in una nota, esprimono “grande soddisfazione” per l’intesa raggiunta a favore dei dipendenti dei Centri per l’Impiego della Calabria. Si e’ svolto alla Regione il tavolo tecnico risolutivo tra la Regione Calabria e le organizzazioni sindacali al fine di definire il passaggio dei Centri per l’Impiego all’Ente Regione, cosi’ come disposto dalla Legge di Bilancio, rispettando la data fissata del prossimo 30 giugno 2018.
“Si e’ registrata ampia apertura – spiega una nota – da parte degli Assessori al Bilancio, Personale e Lavoro, Mariateresa Fragomeni e Angela Robbe, che hanno dimostrato disponibilita’ a voler concludere la vertenza ed a dare soddisfazione alle richieste dei lavoratori rappresentati dalle organizzazioni sindacali. Presenti, inoltre, all’incontro i Direttori Generali ed i Dirigenti dei Dipartimenti Risorse Umane, Lavoro e Bilancio che con i loro interventi hanno consentito di giungere alla risoluzione della vicenda. Si e’ trattato di un incontro molto importante – scrivono i sindacati – per la funzione pubblica e per il futuro di tanti lavoratori, che aspettavano da tempo risposte certe e concrete. Erano ormai mesi che si discuteva del passaggio dei CPI in capo alla Regione, con relativo trasferimento non solo delle funzioni e dei servizi ma anche del personale. Gli obiettivi della vertenza sono stati cosi’ raggiunti grazie all’impegno e alla determinazione dei neo Assessori e dei Dirigenti regionali, che in questi mesi hanno lavorato assiduamente per definire al meglio tutti i passaggi necessari al fine di consentire la concretizzazione di quanto disposto dalla normativa nazionale”.

Le parti, si evidenzia, hanno condiviso un cronoprogramma concordando i seguenti punti e date: 11 giugno ore 14.30 incontro con le organizzazione per definire il piano di fabbisogno del personale e il conseguente piano assunzionale; dal 1 luglio i dipendenti dei Centri per l’impiego delle Province/Citta’ Metropolitana passeranno nei ruoli regionali senza novazione del contratto con conseguente applicazione del contratto decentrato 2018 del personale della Regione Calabria; dal 5 luglio estensione orario di lavoro dei lavoratori part-time a 32 ore nelle more della risposta al quesito che la Regione ha assicurato inviera’ alla Funzione Pubblica circa la disponibilita’ di incremento ulteriore, senza ripercussioni sui vincoli assunzionali; 18 giugno convocazione Giunta regionale per l’approvazione della delibera inerente il piano del fabbisogno del personale; entro giugno ricalcolo per la costituzione del fondo risorse decentrate; settembre/ottobre pubblicazione manifestazione d’interesse per avvio stabilizzazione dei 69 precari; necessita’ di accertare ancora le spese di funzionamento data l’assenza di comunicazioni puntuali da parte di alcune amministrazioni provinciali. “Auspichiamo – aggiungono i sindacti — che al trasferimento segua anche una riorganizzazione ed una incrementazione dei servizi cosi’ da poter dar risposte piu’ concrete ai cittadini e riconoscere la giusta dignita’ di lavoratori a tutti i dipendenti da anni impegnati nelle Politiche Attive per il Lavoro. A tal proposito considerata la manifesta disponibilita’ delle parti a concludere in tempi celeri la partita si augura si possa dare ancora piu’ respiro ai precari dei Cpi di Reggio Calabria e Crotone accelerando i tempi di pubblicazione dell’Avviso per la stabilizzazione e a tutti i lavoratori part-time l’incremento delle ore fino al full-time prima della pausa estiva”.