Laghi Sibari: Oliverio, possono e devono diventare fattore sviluppo

Catanzaro  – Individuare le soluzioni necessarie e definitive da dare nel piu’ breve tempo possibile ad un problema che, per diversi anni, ha bloccato la crescita, il potenziamento e la piena valorizzazione di un luogo che puo’ e deve trasformarsi in un grande attrattore turistico e di sviluppo. Con questo obietivo il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, accompagnato dai consiglieri regionali Mimmo Bevacqua e Orlandino Greco, e’ giunto ai laghi di Sibari per effettuare un sopralluogo nelle darsene e sul Canale dello Stombi e per discutere, con tutti i soggetti interessati, della nuova legge approvata martedi’ scorso dal Consiglio regionale. La nuova normativa, approvata all’unanimita’ dal Consiglio regionale della Calabria su proposta dei consiglieri regionali Bevacqua e Gallo, consente la navigabilita’ dei Laghi di Sibari e individua nel Comune di Cassano allo Jonio il soggetto unico che dovra’ gestire le opere manutentive. Garantisce, inoltre, lo stanziamento di una somma annuale (30 mila euro che molto probabilmente saranno aumentati a 50 mila) da parte della Giunta regionale per far fronte alle spese di disinsabbiamento e all’apertura del Canale.

“Con l’approvazione della legge da parte del Consiglio regionale – ha detto Oliverio, dopo aver ricordato di essere intervenuto piu’ volte anche nelle vesti di Presidente della Provincia di Cosenza per risolvere i problemi- abbiamo raggiunto un risultato che non ha precedenti. In 20 anni, infatti, mai nessuna maggioranza era riuscita a realizzare questo obiettivo. Grazie a questa normativa ora l’intera area potra’ finalmente crescere e decollare. Le condizioni ci sono tutte perche’ il Canale degli Stombi, con i suoi 2500 posti barca, possa diventare concretamente uno dei piu’ importanti porti turistici del Mediterraneo e d’Europa ed essere, cosi’, uno strumento fondamentale per il decollo e lo sviluppo dell’intero territorio provinciale e regionale. Perche’ questo accada e’ necessario, pero’, non perdere assolutamente altro tempo prezioso. Stasera stessa chiamero’ il nuovo Prefetto di Cosenza per chiedergli di convocare urgentemente un tavolo con tutti i soggetti interessati, affinche’ possano essere rimossi tutti gli ostacoli e i cavilli burocratici e il Canale possa essere finalmente riaperto”.