Regione: i lavori della commissione Affari istituzionali

Reggio Calabria – La prima Commissione “Affari istituzionali, affari generali e normativa elettorale” del Consiglio regionale, presieduta dal consigliere Franco Sergio (presente Mariano Calogero, dirigente dell’Ufficio Legislativo della Giunta), ha approvato all’unanimita’, nel corso della seduta odierna, un testo di legge risultato di tre distinte iniziative legislative finalizzate a superare problematiche applicative ed evitare inutili duplicazioni delle disposizioni normative previste. L’intervento di novellazione normativa nasce, infatti, dall’esigenza, in particolare, di recepire alcuni rilievi da parte del Governo e di rispettare il principio di leale collaborazione tra Stato e Regioni.
L’organismo si e’ poi soffermato sulla proposta di legge del consigliere Morrone che introduce “il diritto di voto e di eleggibilita’ alle elezioni regionali calabresi per i cittadini dell’Unione Europea residente in uno Stato membro di cui non hanno la cittadinanza”. Al riguardo, il presidente Sergio ha cosi’ motivato il rinvio. “Condivido la proposta nello spirito e nei contenuti, ritenendo assolutamente giusti il principio di equita’ e la possibilita’ di estendere il diritto a tutti i livelli istituzionali – ha detto Sergio-. Ed e’ anche significativo che sia la Calabria ad assumere il ruolo di regione capofila nel farsi promotrice di questa iniziativa di valore culturale e sociale. Ma, prima ancora di procedere in tal senso, vanno superati problemi di natura procedurale, compiendo un passaggio preliminare: la modifica dello Statuto”.
Hanno partecipato al dibattito i consiglieri Mirabello, Morrone, Nucera e Peda’.