Regione: Consiglio, approvate quattro proposte di legge

Reggio Calabria – Il Consiglio regionale ha approvato quattro delle sei proposte di legge all’ordine del giorno dell’odierna seduta. In particolare, l’aula ha dato via libera a una proposta di legge, di iniziativa del consigliere regionale Arturo Bova, che modifica la denominazione e le competenze della Commissione contro la ‘ndrangheta, estendendola anche ai fenomeni di corruzione, e a una proposta di legge, di iniziativa della Giunta, sull’”Autorecupero del patrimonio immobiliare pubblico”. Inoltre, il Consiglio regionale ha approvato la proposta di legge, di iniziativa della Giunta regionale, su “Interventi per il sistema del cinema e dell’audiovisivo in Calabria”: contro questa legge hanno votato contro l’opposizione, con dichiarazione di voto del capogruppo del Misto, Fausto Orsomarso e del consigliere di Forza Italia, Domenico Tallini, mentre si è astenuto il consigliere regionale del Pd, Carlo Guccione. Ultima proposta di legge approvata dall’aula è stata un riconoscimento di debiti fuori bilancio. Rinviate, per ulteriori approfondimenti, altre tre proposte di legge all’ordine del giorno della seduta odierna. Esaurito l’esame delle proposte di legge, il Consiglio regionale ha discusso delle proposte di provvedimento amministrativo, approvando anzitutto un testo, di iniziativa del consigliere Bova, che propone al Parlamento una legge sulla possibilità, per le imprese che denunciano estorsioni e reati, dell’affidamento diretto di lavori pubblici fino a 150mila euro: secondo Bova, presidente della Commissione regionale antimafia, “l’ok a questo provvedimento è un bel segnale che arriva dalla Calabria”. Voto favorevole dell’aula inoltre per il bilancio di previsione dell’Aterp, l’azienda territoriale per l’edilizia residenziale pubblica.