Regione: sì commissione a ddl attività estrattive e edilizia residenziale

Reggio Calabria  – La quarta commissione del Cosiglio regionale, presieduta da Domenico Bevacqua, ha espresso parere positivo rispetto a due iniziative di legge di iniziativa del consigliere Domenico Battaglia. La prima proposta reca modifiche ed integrazioni sulla legge regionale n. 40/2009 che regolamenta le attività estrattive (cave e torbiere) nel territorio regionale; la seconda, in materia di edilizia residenziale pubblica, di “regolarizzazione dei rapporti locativi o domanda di permanenza temporanea per gli alloggi occupati senza titolo”.
“Nella seduta odierna della IV Commissione, abbiamo proseguito – ha spiegato Bevacqua – la trattazione di una serie di norme atte a regolamentare al meglio l’edilizia residenziale pubblica e sociale e a tenere nella dovuta considerazione le difficoltà economiche in cui possono incorrere i cittadini occupanti. Trattandosi dell’ultima seduta della consiliatura, ho ringraziato i colleghi componenti per la collaborazione garantita con impegno e imparzialità, il Settore ‘Assistenza Giuridica’, il dirigente avv. Giovanni Fedele, il funzionario dott. Carmelo Nucera, per il supporto tecnico sempre puntuale ed esaustivo, e tutti coloro che hanno, a diverso titolo, concorso al buon andamento dei lavori ed al raggiungimento degli obiettivi prefissati. Nel presiedere per quattro anni una Commissione che ha competenza su un ambito così vasto (Ambiente, Territorio, Trasporti) – ha detto ancora Bevacqua – ho avuto modo di approfondire e, per quanto possibile, di incidere su tematiche che sono assolutamente centrali per la nostra regione. Piano Trasporti, Legge Urbanistica, QTRP, Legge antincendi boschivi: per quanto riguarda il compito legislativo di nostra competenza, ritengo sia stato fatto un gran lavoro, approvando strumenti di programmazione che la Calabria attendeva da vent’anni. Adesso c’è da proseguire sulla strada tracciata”. Alla seduta della Commissione hanno preso parte i consiglieri regionali Tallini, Giordano, Pedà, Battaglia, Arruzzolo, Nucera e D’Agostino.