Regione: Minasi, “Lega prima a pensare a studenti fuori sede”

Catanzaro  – “La Lega è stata la prima, e nella fase iniziale di lockdown certamente l’unica, a preoccuparsi dei calabresi rimasti intrappolati fuori dalla propria regione”. Lo afferma il capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Tilde Minasi. Secondo Minasi, “con l’emendamento di tre milioni di euro approvato dal Consiglio regionale affinché gli studenti fuorisede e le loro famiglie, possano contare su un sostegno economico per le spese sostenute, si è riusciti a dare risposta ad una parte di quei disagi che la Lega aveva intercettato e di cui si era fatta portavoce. La proposta, sottoscritta insieme ad altri colleghi della maggioranza, e tra l’altro apprezzata anche dall’opposizione, ricalca in pieno – prosegue il capogruppo della Lega – il nostro senso di vicinanza ai calabresi che si trovano a dover gestire l’emergenza in altre zone del paese con tutti gli ostacoli che ciò comporta: il provvedimento, infatti, s’inquadra nella chiara volontà di andare incontro, non solo con una solidarietà di intenti, alle difficoltà di una consistente parte della popolazione calabrese”. Minasi poi osserva: “Siamo certi che, vista la sensibilità con cui l’emendamento è stato accolto dalla Giunta e dalla massima assise calabrese, in tempi brevi verrà predisposto il bando che consentirà ai nuclei familiari interessati di poter accedere al fondo e – conclude il capogruppo della Lega alla Regione – allentare le tensioni generate dai vari aspetti collaterali al coronavirus”.