Sanita’: Asp Catanzaro, corso formativo assistenza ospedaliera

Formazione-ASP-CZ-1

Catanzaro, 2 luglio 2015 – Si è parlato di riorganizzazione delle attività sanitarie ospedaliere in base al livello di complessità clinica e assistenziale dei pazienti, nel corso delle due giornate formative pianificate per tutte le professioni dell’Area ospedaliera dall’unità operativa Formazione e Qualità dell’ASP di Catanzaro, diretta dalla dott.ssa Clementina Fittante.
Tale modalità organizzativa prevede che nell’ospedale le attività non siano suddivise più in base al reparto o specialità di appartenenza, ma in base al bisogno di cura e di assistenza del paziente. L’organizzazione per intensità di cura non è un modello rigido da applicare a tutti i contesti, ma una modalità organizzativa adattabile a ciascun contesto, in base alla storia dell’ospedale e alla sua collocazione nella rete (hub o spoke) che può guidare l’innovazione e il funzionamento dell’ospedale. Per questi motivi, ciascun ospedale che ha avviato il processo di riorganizzazione per intensità di cura è chiamato a rispondere a questi principi guida in base alle caratteristiche del territorio, ottimizzando la gestione di eventuali picchi di attività, assicurando un’occupazione ben distribuita dei posti letti e garantendo la presenza di team trans-disciplinari e pluri-specialistici tali da rendere il più possibile flessibile e coordinati i percorsi di cura necessari al paziente.
Non esiste un dimensionamento unico valido per tutte le strutture. Solitamente la soluzione ottimale nasce da una combinazione degli stessi. La nuovo modalità organizzativa, con le diverse strutture aziendali e i servizi socio sanitari, garantisce e incentiva la presa in carico globale del paziente e la continuità di cura nelle diverse fasi del bisogno del paziente stesso. Al medico maggiormente correlato alla patologia chiave del paziente resta in capo la responsabilità di tutto il percorso diagnostico-terapeutico, all’infermiere è affidata la gestione assistenziale per tutto il tempo del ricovero. La centralità del paziente è l’elemento guida.
Il corso, di cui è prevista una seconda edizione il 28 e 29 Settembre, si propone, con il contributo del relatore Dott. Franco Bifulco, Direttore sanitario AUSL Viterbo e risk manager aziendale Regione Lazio, di far conoscere e analizzare aspetti, problematiche e metodi connessi all’organizzazione delle attività per intensità di cura, con riferimento alle Aree Internistica, Medica e Chirurgica.

,